Affonda un barcone al largo della Libia, almeno due morti

E intanto 1.300 profughi sono arrivati a Taranto.

Un barcone stipato di uomini, diretti verso l'Italia, è naufragato al largo delle coste della Libia: per il momento sono stati recuperati due cadaveri, mentre i sopravvissuti sarebbero 268; soccorsi dalle unità militari e mercantili inviate dalle autorità italiane. Il naufragio è avvenuta cinquanta miglia al largo delle coste libiche.

I due corpi recuperati arriveranno in mattinata a Porto Empedocle, provincia di Agrigento, trasportati dal pattugliatore d'altura Peluso CP905 della Guardia costiera. Non è stato ancora accertato il numero complessivo delle vittime.

A Taranto sono invece sbarcati oltre 1.300 profughi, salvati nel Mediterraneo dalla Marina Militare addetta all'operazione Mare Nostrum. Si tratta di profughi in larga parte siriani e centrafricani: 1.025 sono uomini, 117 donne, 110 minorenni. Pronti per prestare loro i primi soccorsi gli uomini della Croce Rossa e il personale medico.

Infine, a Ragusa è stato arrestato un cittadino del Senegal accusato di essere lo scafista della barca su cui ieri sono giunti 185 migranti a Pozzallo. La prefettura ha dato il via al trasferimento su aerei e bus di 350 persone.

Migranti

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO