Terremoto L'Aquila 4 agosto 2014: torna la paura per due scosse

Due scosse di terremoto, nella notte e all'alba, tra le province di Rieti e dell'Aquila. Non si segnalano danni

Sono state sufficienti due scosse di terremoto, non particolarmente violente ma avvertite dalla popolazione, per far tornare la paura all'Aquila. La terra si è mossa una prima volta alle 00:47, una seconda volta alle 8:04. Secondo l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, la prima scossa ha avuto magnitudo 3.0 e ipocentro a 10,2 chilometri di profondità.

La seconda scossa, invece, è stata simile alla prima: magnitudo 2.9 e profondità 10,5 chilometri. L'epicentro di entrambe in prossimità del comune reatino di Amatrice e di quelli aquilani di Campotosto, Capitignano e Montereale. Non si segnalano danni a cose o persone. L'Ingv ha identificato i due terremoti nel distretto dei Monti della Laga.

Un terremoto di questa entità, provoca all'interno degli edifici una debole vibrazione avvertita da molte persone ma non da tutte. I lampadari oscillano di poco, si sente lo scampanellio di cristalleria e vasellame. C'è chi, per sicurezza, esce all'aperto. All'esterno, solo pochi percepiscono il terremoto. Alcuni, con un certo anticipo, sentono come un tuono lontano. Dal territorio interessato, solitamente, giunge un discreto numero di segnalazioni.

Questa situazione riguarda i comuni compresi in un raggio di sette chilometri dall'epicentro. Per quelli più lontani, naturalmente, la situazione muta un po'. Nel caso dell'Aquila, però, le persone hanno purtroppo l'orecchio piuttosto allenato e, quindi, c'è stata molta paura anche se l'oscillazione è stata minima e non ha provocato danni di nessun tipo.

Terremoto Rieti  - L'Aquila

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO