Diritto all’oblio, le prime conseguenze della sentenza della Corte Europea

La sentenza della Corte Europea che permette la cancellazione di determinati risultati dalle ricerche organiche sta avendo le prime conseguenze pratiche sulle Serp. I vertici di Wikimedia non ci stanno

La sentenza dello scorso 13 maggio con la quale la Corte Europea ha deciso che i gestori dei motori di ricerca di Internet sono responsabili per il trattamento dei dati personali che appaiono sulle pagine web pubblicate da terzi inizia ad avere le prime conseguenze sulle ricerche degli utenti.

Alcune voci stanno scomparendo – su richiesta dei diretti interessati – dalle Serp. E in un web regolato dalle ricerche organiche, una notizia non indicizzata è, molto semplicemente, una notizia che non c’è.

Ad accendere la protesta è Jimmi “Jimbo” Wales, fondatore di Wikipedia, la piattaforma condivisa che rischia di essere la principale “vittima” della sentenza della Corte Europea. Secondo il papà dell’enciclopedia online si tratta di una norma “profondamente immorale”. Per il direttore esecutivo di Wikimedia Foundation, Lila Tretikov, quello che si profila “è un internet crivellato di buchi di memoria”.

I risultati di ricerca accurati stanno scomparendo dall'Europa senza nessuna spiegazione pubblica, nessuna prova reale, nessun controllo giurisdizionale e nessun processo d'appello. Il risultato è un luogo in cui le informazioni scomode semplicemente scompaiono,

ha scritto Tretikov, spiegando che, per esempio, in Italia è già stata fatta la richiesta per la rimozione delle pagine relative a Renato Vallanzasca e alla banda della Comasina.

A Wikimania, la conferenza annuale che si è tenuta ieri a Londra, Wales ha poi aggiunto come la conoscenza sia un diritto umano e come una delle cose peggiori che possano essere fatte sia proprio tentare di mettere a tacere una voce, ragion di più quando la piattaforma che la sostiene è basata sulla condivisione e sul reciproco controllo dell’informazione, dei contenuti e delle fonti.

Motorola And Verizon Hold News Conference

Via | The Guardian

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO