Scambio di embrioni, sono nati i gemellini contesi. Respinto il ricorso dei genitori genetici

Il parto è avvenuto lontano da Roma, dove c'era stato lo scambio di provette


Aggiornamento 19:30 Il Tribunale civile di Roma ha rigettato il ricorso presentato dai genitori genetici dei gemellini. Nel provvedimento il giudice precisa che il caso "non è suscettibile di ricorso alla Corte Costituzionale".

Sono nati nei giorni scorsi, lontano da Roma e con un parto cesareo, i due gemelli contesi da due coppie di genitori (quelli genetici e la coppia gestante), a causa dello scambio di embrioni avvenuto nel dicembre 2013 durante un processo di fecondazione assistita all'ospedale Sandro Pertini di Roma. Sono un maschio e una femmina e i genitori li hanno chiamati Paolo e Francesca. Lo riporta La Stampa di oggi, che intervista i genitori dei due gemelli, che dicono "Siamo contenti. Molto contenti: i nostri figli sono nati, stanno bene e li abbiamo già registrati all’anagrafe. Nessuno potrà più toglierceli".

Nonostante la loro fiducia, è però possibile che attorno ai due bambini si scateni comunque una battaglia legale, visto che i genitori genetici hanno già fatto sapere di volere quelli che ritengono i "loro" bambini. Anche se con la registrazione all'anagrafe con il cognome dei genitori "gestanti", la legge italiana sancisce a tutti gli effetti il loro status.

Proprio oggi si sarebbe dovuta tenere un'udienza a seguito della richiesta dei genitori biologici di riconoscimento del loro status. L'udienza si terrà lo stesso ma si risolverà con la semplice comunicazione della nascita dei due gemelli – avvenuta con diversi giorni d'anticipo rispetto al previsto – che di fatto vanifica gli sforzi fatti finora dalla coppia di genitori genetici.

I genitori "gestanti", rivolgono un pensiero anche all'altra coppia: "Ci rendiamo conto della loro sofferenza, volevamo anche incontrarli ma loro non hanno voluto". La legge dice che i bimbi appartengono a loro ma il comitato Bioetico Nazionale, interrogato sul caso, suggeriva una collaborazione tra le due coppie. Sicuramente la vicenda giudiziaria proseguirà anche nei confronti dell'ospedale Pertini, visto che entrambe le coppie hanno chiesto alla struttura un risarcimento milionario.

Scambio di neonati in Salento

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO