Virus ebola: un caso sospetto anche in Canada, stato d'emergenza in Nigeria

Un uomo, di ritorno dalla Nigeria, è stato messo in quarantena in Canada con i sintomi di ebola. Nove casi, di cui due mortali, in Nigeria.

C'è un caso sospetto di ebola in Canada. Si tratta di una persona al ritorno dalla Nigeria, che è stata posta in quarantena in un ospedale del Paese. Un medico di Brampton ha spiegato che i sintomi erano riconducibili al virus che sta infettando l'Africa occidentale. Proprio la Nigeria ieri aveva confermato l'individuazione di nove casi.

Il servizio sanitario nazionale canadese ha precisato che al momento non ci sono casi conclamati, ma che counque è pronto ad arginare il virus. Il dottor Graham Pollett ha aggiunto che sono in corso una serie di test per valutare se il paziente - messo in isolamento - sia stato davvero contagiato da ebola o da altre malattie con sintomatologia simile (per esempio, il paludismo).

Il ministro della Sanità dell'Ontario, Eric Hoskins, ha assicurato che, dopo lo scoppio della pandemia in Africa, "sono state prese tutte le misure del caso. A partire dall'esperienza dell'aviaria, i nostri ospedali hanno sviluppato sistemi di controllo antinfettivo molto sofisticati". Dal Canada torniamo alla Nigeria: gli Stati Uniti hanno aumentato l'assistenza, inviando personale e materiale per affrontare il virus.

Tom Skinner, portavoce dei Centri federali per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha fatto sapere: "Rafforzeremo il personale a Lagos. Siamo preoccupati per il rischio contagio, visto che Lagos e la Nigeria non hanno mai avuto l'ebola". La Nigeria, ieri, ha proclamato lo stato di emergenza. Due dei nove casi riscontrati sono stati mortali. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, però, i casi di ebola non sarebbero nove, ma già tredici.

Ebola in Canada

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO