Usa: hacker sottraggono dati di milioni di pazienti ospedalieri

Hacker cinesi hanno rubato dati sensibili di 4,5 milioni di pazienti degli ospedali americani.

Attacco hacker su larga scala negli Stati Uniti. Sono infatti stati trafugati i dati di 4,5 milioni di pazienti ospedalieri, come riferisce la Cnn, che cita la Community Health Systems, che gestisce 206 nosocomi in tutti gli Usa. I pirati informatici si sono inseriti nei computer della Community, rubando nomi, numero di previdenza sociale, indirizzi, date di nascita e numeri di telefono delle persone schedate.

La violazione di questi dati sensibili potrebbe portare a frode d'identità. Chi, ora, è in possesso di indirizzi, nomi e numero di previdenza potrà infatti aprire conti correnti e avere accesso alle carte di credito delle persone violate. Potrà contrarre prestiti. La Community Health Systems ha assunto alcuni esperti di sicurezza informatica per un consulto d'emergenza.

Pare che gli hacker abbiano operato dalla Cina, usando un sofisticato malware, di alta qualità, per lanciare gli attacchi tra aprile e giugno di quest'anno. Sul caso c'è anche l'Fbi, che sta lavorando a stretto contatto con l'azienda per "individuare i colpevoli e arrestarli". L'Fbi ha fatto sapere di star impegnando "risorse significative" e star facendo notevoli "sforzi per indirizzare, interrompere, smantellare e arrestare i colpevoli".

La Community Health Systems opera in 28 Stati, ma è presente soprattutto in Alabama, Florida, Mississippi, Oklahoma, Pennsylvania, Tennessee e Texas. Gli attacchi provenienti dalla Cina, da parte di hacker, sono stati più volte denunciati dall'amministrazione Obama. Spesso si tratta di spie che vogliono così entrare in possesso di dati sulle aziende americane.

Hacker ospedali Usa

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO