Algeria, muore calciatore colpito in campo da un oggetto

Albert Ebossé era stato il capocannoniere dell’ultimo campionato algerino. Ieri, al termine della partita fra il suo Js Cabilia e l’Usm Algeri, è morto per il trauma cranico procuratogli dal lancio di un oggetto dagli spalti dello stadio

Albert Ebossé, 24enne camerunense, attaccante del Js Cabilia e capocannoniere dell’ultimo campionato algerino, è morto dopo essere stato colpito alla testa da un oggetto lanciato dagli spalti dello stadio.

La tragedia si è consumata ieri, allo stadio di Tiz Ouzou, dov’era appena terminata la partita fra la Js Cabilia e l’Usm Algeri. La sconfitta casalinga per 2 a 1 contro la squadra proveniente dalla capitale ha scatenato la violenza dei tifosi: sul campo è piovuto di tutto. Ed Ebossè, autore dell’unico gol segnato dal Js Cabilia, è stato colpito al capo da una pietra o da un fumogeno.

Il giocatore si è accasciato. A nulla sono valsi i soccorsi e l’immediato trasporto in ospedale: il trauma cranico riportato nell’impatto con l’oggetto scagliato dagli spalti ha ucciso l’attaccanete camerunense che lo scorso anno, grazie alle sue reti, aveva trascinato la squadra al secondo posto del campionato algerino e alla finale della Coppa d’Algeria.

Quest’estate si era parlato di un interessamento del Nantes e del Montpellier per far compiere al giocatore il grande salto nella Ligue 1, mentre in passato era stato vicino al passaggio al Chievo.

Hamza Bencherif, difensore algerino del Plymouth ha voluto ricordare l'amico con un tweet:

#rip mio amico, mio compagno di stanza, possa Dio darti il benvenuto in Paradiso

Tayev Belaiz, ministro dell’Interno algerino, ha dato ordine alla magistratura di aprire un’inchiesta su l'omicidio che ha sconvolto il Paese.

Albert Ebossé

Foto | Youtube

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO