Immigrazione, nel Canale di Sicilia naufraga un peschereccio: il bilancio delle vittime sale a 24 morti

Il naufragio a Sud di Lampedusa. A bordo c'erano circa 370 migranti.

Aggiornamento martedì 26 agosto 2014 - Il bilancio delle vittime del naufragio avvenuto tra domenica notte e lunedì mattina è purtroppo salito a da 6 a 24 persone. Le navi della Marina hanno recuperato altri corpi, mentre i 364 superstiti saranno portati ad Augusta.

Impegnati nelle operazioni di soccorso sono stati gli uomini delle navi Foscari e Fenice della Marina Militare, e della motovedetta Cp 904 della Guardia Costiera. Si tratta di imbarcazioni impegnate nell'operazione Mare Nostrum sempre al centro del contendere tra Italia e Ue.

Immigrazione, nel Canale di Sicilia naufraga un peschereccio


Lunedì 25 agosto 2014

Tre naufragi in poco più di due giorni: nel Canale di Sicilia la situazione diventa ogni giorno più grave e anche oggi ci ritroviamo a raccontare di un nuovo naufragio, l'ennesimo.

Questa notte è toccato a un peschereccio che a bordo aveva centinaia di migranti, almeno 370, ma in questi casi è difficile sapere se è il numero è esatto. Gli uomini dell'operazione Mare Nostrum hanno salvato 364 persone mentre purtroppo altre sei sono state recuperate già morte. Non si sa di preciso se ci sono altri dispersi, in ogni caso sono in corso delle ricerche. I superstiti aiuteranno poi a ricostruire la dinamica dell'incidente e a capire in quanti erano a bordo di preciso.

L'incidente di stanotte è avvenuto diverse miglia a Sud di Lampedusa e sono subito intervenuti gli uomini a bordo della navi Foscari e Fenice, della Marina Militare, e della motovedetta Cp 904 della Guardia Costiera. Sono tutti militari che fanno parte dell'operazione Mare Nostrum, inoltre anche un mercantile è stato dirottato nella zona in cui si è rovesciato il peschereccio con a bordo i migranti per prestare subito soccorso.

Quello di questa notte è, come detto, il terzo naufragio iim due giorni. Sabato ce ne è stato uno a largo delle coste della Libia e il bilancio dei morti in quel caso è di più di 200 vittime e il numero non è ancora certo, poi ce ne è stato un altro tra sabato notte e domenica mattina e altre 18 persone hanno perso la vita, poi appunto quello tra domenica e lunedì con almeno sei morti.

Intanto il ministro dell'Interno Angelino Alfano ha detto:

"L'Europa deve dirci con chiarezza se è pronta a subentrare a Mare Nostrum. Abbiamo salvato migliaia di vite umane, ora l'Ue deve affrontare il tema della frontiera. Se non se ne farà carico, l'Italia dovrà assumere delle decisioni e prendere delle proprie responsabilità. L'Europa non può dire 'non abbiamo soldi"

Tuttavia Alfano ha detto di aver pronti anche dei progetti alternativi nel caso in cui l'Ue dovesse dire no a subentrare a Mare Nostrum. Quest'ultima operazione sarà dismessa se non arriverà il sostegno dell'Europa, anche se l'Italia continuerà a farsi carico dei soccorsi.

Operazione Mare Nostrum

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO