La Cassa (Torino), morto un operaio in un cantiere edile

La vittima è Alberto Gentilini di 62 anni, sarebbe andato in pensione alla fine di quest'anno.

Un'altra pagina del capitolo morti bianche in Italia è stata scritta questa mattina, lunedì 25 agosto, in un cantiere edile in regione Mattodera, vicino La Cassa, in provincia di Torino. La vittima è Alberto Gentilini, un uomo di 62 anni che stava lavorando all'impianto fognario di un complesso di villette in costruzione.

Sull'incidente stanno indagando i carabinieri di Rivoli e gli ispettori della Asl To 3 che dovranno capire come mai Gentilini è stato investito da un cumulo di terra.
Secondo le prime informazioni raccolte tra i testimoni, il 62enne di Vigone questa mattina alle 10:30 circa è scomparso sotto una montagna di terra davanti agli occhi dei suoi colleghi. Dalle otto di stamattina stava lavorando con la sua squadra ed era sceso in una fossa di circa due metri di profondità per ultimare le pareti dello scavo ma la terra gli è praticamente franata addosso e lo ha sepolto.

Il suo datore di lavoro ha detto che era un operaio esperto e che non avrebbe mai fatto nulla di pericoloso. Tra l'altro era prossimo alla pensione: ci sarebbe arrivato alla fine di quest'anno.
Per estrarlo dal cumulo di terra che lo ha investito è stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco. I soccorritori del 118 sono arrivati per aiutarlo, ma quando è stato estratto era già morto perché la terra lo aveva schiacciato e dunque non era più riuscito a respirare.

I carabinieri ora stanno cercando di capire se nel cantiere in cui stava lavorando Alberto Gentilini erano state applicate correttamente tutte le norme di sicurezza.

Uomo morto in un cantiere edile a La Cassa - Torino

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO