I minatori intrappolati in Nicaragua

Due i morti, ma in tre sono ancora intrappolati.

Un blocco di terreno cede mentre si trovano al lavoro in miniera, e 25 minatori a Bonanza, nord del Nicaragua, si trovano improvvisamente intrappolati senza cibo né acqua. La miniera in cui il tutto è avvenuto è quella di El Comal, dove si estraggono oro e argento. I lavoratori si sono riparati in una caverna per proteggersi da eventuali altri crolli.

Fino alla nottata di ieri, le autorità non avevano ricevuto nessuna notizia dell'accaduto; una volta intervenute le squadre di soccorritori sono riuscite a localizzare i minatori e fornire loro dei viveri. Dopo qualche tempo, sono anche riusciti a liberarne una ventina, ma nel frattempo due di loro erano morti, probabilmente in seguito al crollo.

Mancano all'appello quindi tre minatori, che si pensa siano intrappolati a 800 metri di profondità. Le dichiarazioni che arrivano dalla società che gestisce la miniera, Hemco, non aiutano più di tanto a fare chiarezza: si parla infatti di 26 minatori, uno dei quali sarebbe fuggito, senza aggiungere ulteriori particolari. Hemco è una società con 532 lavoratori che ogni giorno "elaborano" 700 tonnellate di materiale al giorno per produrre 1.150 chilogrammi di oro all'anno.

nicaragua

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO