Milano: cani anche in chiesa, il Comune dice sì

Il Comune di Milano presenta la bozza di regolamento a favore degli animali: cani anche in chiesa, due pesci rossi negli acquari, no agli spettacoli circensi con animali e alle aragoste nelle ghiacciaie dei ristoranti.

Il Comune di Milano prosegue la sua battaglia a favore degli animali. Palazzo Marino ha preso infatti alcune importanti decisioni: no alle aragoste vive in ghiacciaia al ristorante, divieto ai circhi con animali, messa al bando di petardi e fuochi d'artificio rumorosi. Non solo: obbligo di tenere negli acquari almeno due pesci rossi (considerati animali sociali), dovere da parte dei gestori di "luoghi di pubblico accesso" a consentire l'ingresso dei cani. I nostri amici a quattro zampe, dunque, potranno entrare anche in chiesa.

La bozza di regolamento per la tutela e il benessere degli animali è stata messa a punto dal garante Valerio Pocar e dall'assessorato al Benessere del Comune di Milano. Il documento è ora al vaglio dei nove Consigli di Zona, entro ottobre approderà in Consiglio comunale e potrebbe entrare in vigore già prima di Natale. Per la messa del 25 dicembre, "gli animali di piccola taglia e non aggressivi" potrebbero fare il loro primo ingresso in chiesa.

Ma non solo: ci sarà accesso garantito per loro in tutti i bar, ristoranti, ospizi, impianti sportivi (anche a bordo vasca in piscina) e uffici pubblici. La Curia milanese non ha detto di no all'ingresso nei luoghi di culto: "Abbiamo fiducia nel buon senso e nell'educazione di chi entra in parrocchia". Il regolamento è composto da 38 pagine, a cui si aggiungono numerosi allegati.

Si parla anche della contrarietà alla sperimentazione medica sugli animali, "pur nel rispetto della normativa europea in materia", con l'impegno "al reinserimento in comunità degli animali usati in laboratorio". Non mancano le curiosità: l'obbligo, per lo stesso Comune, di inserire dossi rallentatori del traffico nelle zone in cui vi siano colonie feline. Le sanzioni: 500 euro di multa per chi non raccoglie gli escrementi dei cani e il "sequestro dell'animale" per gli accattoni che usano gli animali di qualunque specie per fare compassione sui passanti e chiedere l'elemosina.

Cani in chiesa

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO