Migranti, naufragi in Libia: almeno 500 morti in tre giorni

L'Unhcr ha spiegato che ci sono stati almeno tre naufragi negli ultimi giorni nei pressi delle coste libiche.

Aggiornamento di lunedì 15 settembre 2014 - Secondo Carlotta Sami, portavoce dell'Unhcr, i naufragi avvenuti vicino alle coste libiche sono stati tre e i morti in tre giorni sarebbero addirittura 500.

Il naufragio di ieri del barcone con a bordo 250 persone è solo l'ultimo e secondo Ayub Qassem, portavoce della marina militare di Tripoli, solo 36 persone sono state salvate, mentre il mare è pieno di cadaveri.

L'Organizzazione internazionale per le Migrazioni (Oim) ha spiegato che i dispersi del naufragio della settimana scossa avvenuto a 300 miglia a largo di Malta sono circa 500 e l'incidente sarebbe stato causato dai trafficanti che avrebbero fatto affondare il barcone di proposito dopo un violento scontro con i migranti. L'Oim ha ottenuto queste informazioni da due superstiti di nazionalità palestinese che sono in fuga da Gaza e che a inizio settembre si sono spostati in Egitto.

Migranti, naufragio a est di Tripoli: oltre 200 morti


Domenica 14 settembre 2014
strage-migranti-libia

Ancora una strage di migranti al largo della Libia, avvenuta poche ore fa a Tajura, a pochi chilometri ad est di Tripoli. Le notizie sono ancora frammentarie, ma il bilancio pare già gravissimo.

La marina di Tripoli ha annunciato che un barcone con a bordo almeno 250 persone è affondato in circostanze da chiarire e che al momento solo 26 persone sono state tratte in salvo, mentre le operazioni di recupero dei cadaveri già emersi procedono in parallelo.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO