Messico: l'uragano Odile spaventa turisti e residenti

L'uragano Odile ha toccato terra in Messico, 30 mila le persone barricate in casa. Chiusi i porti della Bassa California, problemi anche per i voli.

L'uragano Odile ha toccato terra in Messico, spaventando turisti e residenti. In previsione del suo arrivo, le autorità avevano già provveduto a far evacuare le zone a rischio, mentre migliaia di turisti sono ospitati negli alberghi di lusso che sono stati trasformati per l'occasione in rifugi. L'uragano ha raggiunto la punta della penisola della Baja California, nei pressi della località di Cabo San Lucas.

Sono circa 30 mila le persone barricate in casa. Secondo i meteorologi americani del National Hurricane Center di Miami, Odile potrebbe intensificarsi, anche se al momento è stato declassato dalla categoria quattro a quella inferiore, su una scala di cinque. Odile è stato preceduto da Norbert, che ha colpito la stessa zona. Fino a domani, sono previsti venti molto forti e pioggia incessante.

Le onde hanno raggiunto i quattro metri di altezza. Nel tardo pomeriggio di ieri, sono stati cancellati almeno 22 voli e diverse persone sono rimaste bloccate all'aeroporto internazionale di Los Cabos. I residenti hanno formato lunghe code alle stazioni di servizio e nei supermercati per fare la scorta di cibo, acqua in bottiglia, torce e batterie.

L'uragano sta procedendo in direzione Nord. I venti hanno superato i 200 chilometri orari. Il governatore dello Stato, Marcos Covarrubias, ha avvertito la popolazione di mettersi al riparo e di usufruire dei 164 rifugi allestiti per l'occasione: "Saremo colpiti, non mettete a rischio le vostre vite". Tutti i porti della Bassa California sono stati chiusi.

Messico uragano

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO