Carabiniere interviene su un incidente mortale: la vittima è la figlia

L’altra passeggera, rimasta illesa, ha chiamato i soccorsi e a giungere sul luogo dell’incidente è stato il padre della vittima

Incidente a Roma

Un incidente drammatico, una fatalità che ha tolto la vita una ragazza di 26 anni, Eleonora Cipriani, che stava viaggiando sulla propria auto a una velocità di circa 40 km/h. Con lei un’amica rimasta illesa. Ma la fatalità non si esaurisce nella dinamica dell’incidente, ma prosegue nei soccorsi.

Questa notte Eleonora stava viaggiando insieme a un’amica, quando l’auto è uscita di strada in una curva, poco prima delle 2 di notte, andando a finire con il tetto sopra il guardrail. Nell’impatto la protezione ha infranto il parabrezza andandosi a conficcare esattamente sul lato della ragazza al volante, uccidendola sul colpo.

L’amica è rimasta illesa e ha chiamato i soccorsi. A recarsi sul luogo dell’incidente, a Pastrengo (Vr), in località Pol, è stato Nicola Cipriani, comandante della sezione locale dei carabinieri. Quando l’uomo è giunto sul posto ha scoperto che la vittima dell’incidente era proprio sua figlia.

Sul posto sono intervenuti i soccorritori e l’incarico di compiere i rilevamenti sul luogo dell’incidente è stato trasferito ai carabinieri di Bussolengo. L’incidente è avvenuto in una strada molto stretta e tortuosa, non lontana dall’Adige, nella quale erano già avvenuti altri incidenti. Secondo i primi rilevamenti l’incidente sarebbe avvenuto a una velocità non sostenuta, quantificabile in 40 km/h.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO