Iran: donna uccise uomo che tentò di abusare di lei, sarà impiccata

Sette anni fa uccise l'uomo che tentò di violentarla, tra dieci giorni sarà impiccata una donna iraniana di 26 anni.

Verrà impiccata Reyhaneh Jabbari, la donna iraniana di 26 anni che uccise l'uomo che aveva cercato di violentarla. E' accusata di omicidio. L'episodio risale a sette anni fa. La vittima un ex impiegato del ministero dell'Intelligence, Morteza Abdolali Sarbandi, che cercò di stuprarla. Poco dopo l'arresto, la donna confessò di essere stata lei ad accoltellare l'uomo. Ma non le fu consentito di avvalersi di un avvocato durante la deposizione.

Reyhaneh disse di aver agito per difendersi. Due anni dopo, però, fu pronunciata la condanna a morte con l'applicazione del "gesas", ossia la legge del taglione. La Corte suprema ha confermato la sentenza. A marzo di quest'anno, i familiari della donna furono informati che l'esecuzione sarebbe avvenuta il 15 aprile. La data è stata poi posticipata a oggi, ma ancora una volta c'è stato un rinvio.

Come scrive il sito di Iran Human Right (Ihr), l'impiccagione di Reyhaneh Jabbari è stata rinviata di dieci giorni. La donna è stata intanto trasferita dal carcere di Rajaishahr alla sua vecchia prigione, quella di Varamin, a sud di Teheran. Secondo l'ong, diverse persone ieri si erano radunate davanti al penitenziario di Rajaishahr per protestare contro l'esecuzione di Reyhaneh.

Su Facebook, la madre della giovane ha confermato l'imminenza dell'impiccagione. Fonti all'interno del carcere le avrebbero infatti fatto sapere che il nome della figlia è sulla lista delle prossime esecuzioni. I rinvii quindi non sono altro che un ulteriore proseguimento dell'angoscia da parte di una ragazza che si era semplicemente difesa. In uno Stato dove i diritti delle donne sono considerati praticamente nulli.

Reyhaneh Jabbari

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO