Russia: nuova droga sintetica avrebbe ucciso 30 persone

Allarme in Russia per una nuova droga sintetica che, in due settimane, ha ucciso 30 persone intossicandone 700.

Sarebbero almeno 30 i morti, dal 19 settembre a oggi, a causa di una nuova droga sintetica da fumare con effetti psicoattivi. Il servizio antidroga della Russia ha arrestato 20 persone, con l'accusa di aver venduto questa pericolosa sostanza. Oltre alle 30 vittime, la miscela sintetica avrebbe avvelenato 700 russi, tra cui molti adolescenti.

La commissione per il controllo degli stupefacenti ha bloccato la circolazione del nuovo prodotto e ha chiesto al governo di disporre un analogo stop per tutte le sostanza classificate come psicoattive dal ministero dell'Interno, dal servizio antidroga e dagli psichiatri che studiano le varie dipendenze. La miscela pare sia composta da estratti vegetali e sostanza psicoattive e sarebbe stata importata in Russia dal sud-est asiatico.

Tre le zone in cui la diffusione di questa droga ha finora colpito maggiormente: il distretto autonomo siberiano di Khanti Mansisk, la regione di Kirov e la repubblica autonoma russa di Baskiria. Ma ci sono stati tre morti anche nella capitale Mosca. La nuova droga leggera viene chiamata spice e va di moda in particolare tra i giovani.

Viktor Ivanov, direttore dell'authority per il controllo del narcotraffico, nel presentare il bilancio aggiornato delle vittime, ha spiegato:

"Dal 19 settembre, le unità sanitaria di varie regioni russe hanno cominciato a registrare un numero crescente di casi di avvelenamento da miscela di fumo, compresi molti adolescenti. Al momento, sappiamo di oltre 700 casi di intossicazione".

Russia nuova droga

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO