India: 50 morti per il ciclone Hudhud

Venti a 170 chilometri orari sulle coste dell'India orientale per il ciclone Hudhud che ha già fatto tre vittime.

19 ottobre, ore 09.31 - Dopo una settimana è tragico il bilancio del ciclone Hudhud, che si è abbattuto sullo stato indiano dell'Andhra Pradesh: mentre tre persone mancano ancora all'appello dei soccorritori, il bilancio dei morti si attesta a 50 persone, rimaste uccise dalla furia degli elementi: le operazioni di soccorso sono proseguite nei giorni scorsi e le autorità locali hanno annunciato la localizzazione nelle ultime ore di altre 11 vittime.

Secondo le stime della Protezione civile indiana circa 600.000 persone sono state colpite dal disastro e 6.000 case sono state distrutte sulla fascia costiera settentrionale. I danni alle abitazioni e alle industrie, ai raccolti, alla pesca sono stimati al momento in diverse centinaia di milioni di dollari, un bilancio impreciso che è destinato inevitabilmente a salire.

Ci vorranno ancora diversi giorni per ripristinare la corrente elettrica e le comunicazioni telefoniche, ma la situazione sta lentamente tornando "alla normalità", almeno dal punto di vista meteorologico.

Ciclone Huthut: 50 morti in India

Ciclone Huthut: 50 morti in India

Ciclone Huthut: 50 morti in India
Ciclone Huthut: 50 morti in India
Ciclone Huthut: 50 morti in India
Ciclone Huthut: 50 morti in India
Ciclone Huthut: 50 morti in India
Ciclone Huthut: 50 morti in India
Ciclone Huthut: 50 morti in India
Ciclone Huthut: 50 morti in India
Ciclone Huthut: 50 morti in India
Ciclone Huthut: 50 morti in India

India: arriva il ciclone Hudhud, venti a 170 km/h e tre vittime


Ciclone in India

Le coste dell'India sono sotto attacco del ciclone Hudhud, che è accompagnato da venti che soffiano a 170 chilometri orari. Colpita in particolare l'India orientale, con la costa dell'Andhra Pradesh esposta particolarmente alle raffiche. Difficoltà e morti nella città di Visakhapatnam: secondo la Cnn-Ibn, si conterebbero già tre vittime e gravissimi danni nel centro abitato, con alberi sradicati, cartelli divelti e tetti scoperchiati. Oltre ai black out.

Ieri, in via precauzionale, oltre 500 mila persone erano state evacuate dalla costa dell'Andrha Pradesh e dal sud dell'Orissa. Il ciclone Hudhud è considerato molto pericoloso dall'ufficio meteorologico. Oltre ai forti venti, sulle zone interessate sono arrivate forti piogge che potrebbero portare a stati alluvionali. Secondo gli esperti, Hudhud è molto simile a Phailin, il tifone che un anno fa colpì le stesse zone dell'India, causando la morte di 53 persone.

Tornando alle vittime, sono morte in tre distinti incidenti avvenuti nei distretti di Srikakulam e Visakhapatnam. K. Hymavathi, commissario straordinario per la gestione dei disastri ambientali dello stato dell'Andhra Pradesh, ha fatto il punto della situazione: "Centinaia di alberi sono stati sradicati, le linee telefoniche sono interrotte".

Il gruppo di cooperazione internazionale Global Disaster Alert and Coordination System (GDACS), gestito dalle Nazioni Unite e dall'Unione Europea, ritiene che il ciclone possa avere un "alto impatto umanitario" per quasi undici milioni di persone.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO