Nigeria, dopo il cessate il fuoco riprendono gli attacchi di Boko Haram

Nuove violenze nel nordest della Nigeria: gli islamisti violano il cessate il fuoco

Non si è placata nemmeno questa volta la folle violenza di Boko Haram: nonostante il "cessate il fuoco", accordo che sarebbe stato raggiunto tra i militari nigeriani e la setta islamista venerdì, il sangue continua a scorrere nel nordest della Nigeria.

Almeno 18 civili sarebbero stati uccisi in due nuovi attacchi dei jihadisti di Boko Haram nel nordest della Nigeria, assalti registratisi dopo l'accordo per il cessate il fuoco definito venerdì con il governo da parte del gruppo stesso, che peraltro non ha confermato l'intesa.

A dare la notizia è l'AdnKronos, che cita il quotidiano Vanguard. Non è la prima volta che Boko Haram viola una tregua (o presunta tale) con l'esercito, segno di come annunci e promesse da queste parti lascino il tempo che trovano: più volte le autorità di Abuja hanno esultato per un presunto cessate il fuoco o per l'imminente liberazione delle 200 giovani nigeriane ancora sequestrate dalla setta, liberazione promessa venerdì e della quale si sono perse le tracce nelle notizie stampa.

Secondo quanto rende noto il quotidiano Vanguard sarebbero stati presi di mira da una ventina di miliziani due diversi villaggi nella regione di Borno Maikadiri e Shaffa, nella notte di venerdì e nella giornata di sabato, quindi appena 24 ore dopo gli annunci.

I funzionari federali nigeriani non hanno commentato gli eventi, anche se una fonte anonima citata dal Vanguard sostiene che in questa fase è l'attesa la miglior consigliera delle autorità di Abuja.

(in aggiornamento)

boko

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO