Massa Carrara: due poliziotti contagiati dalla tubercolosi

Due agenti della questura di Massa Carrara positivi al test sulla tbc dopo essere entrati in contatto con i profughi.

Due poliziotti di Massa Carrara hanno contratto la tubercolosi. La conferma, come scrive Il Tirreno, è arrivata dal test di Mantoux, che ha rivelato la presenza del batterio della Tbc nel sangue. I due agenti erano stati impegnati nelle operazioni di accoglienza dei profughi. Sono stati loro stessi a recarsi all'Ufficio di igiene pubblica per denunciare la contaminazione; poi sono passati nel reparto di infettivologia, dove i medici hanno indicato la corretta profilassi.

Entrambi hanno deciso di farsi curare fuori provincia per preservare le famiglie (hanno dei figli). I primi sintomi erano comparsi verso fine settembre, ma i due poliziotti avevano pensato a una banale influenza con tosse. Gli stessi medici avevano parlato di virus. La persistenza dei sintomi li ha poi indotti a vederci più chiaro, chiedendo un consulto ai sindacati. Sono stati quindi consigliati di fare il test della tubercolosi, che ha confermato la tbc.

E' naturalmente scattato l'allarme in tutta la questura di Massa Carrara. Al momento, i colleghi dei due contaminati hanno avuto risultati negativi dai test, ma dovranno ripetere gli esami nei prossimi mesi. Bisognerà ora ripensare alle procedure da rispettare nell'accoglienza dei profughi. Pare, infatti, che durante le visite ai migranti, di mascherine ce ne fossero poche.

I sindacati di polizia chiedono maggiore protezione per il personale che entra in contatto con i profughi. C'è poi la questione politica: il consigliere del centrodestra Stefano Benedetti ha più volte accusato l'Asl locale di non aver allestito un piano di accoglienza efficace dal punto di vista sanitario. Polemiche che si sono scatenate anche in altre province, dove è comparsa la tubercolosi.

Polizia Massa

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO