Belgio: sciopero generale, caos all'aeroporto di Bruxelles

Belgio paralizzato dallo sciopero generale contro le misure d'austerità del governo. Almeno 50 mila passeggeri a terra all'aeroporto di Bruxelles.

Caos in Belgio a causa dello sciopero generale contro le misure di austerità decise del governo. L'aeroporto di Bruxelles è completamente paralizzato. Florence Muls, portavoce dello scalo, ha fatto sapere che sono stati cancellati 600 voli e ci sono 50 mila passeggeri che sono rimasti a terra. L'aeroporto di Bruxelles è centrale per le rotte europee.

L'astensione è stata decisa dopo che l'esecutivo ha comunicato di voler tagliare gli stipendi dei dipendenti pubblici, aumentando però le ore di lavoro e riducendo i servizi sociali. I sindacati del personale di Belgacontrol, l'ente federale che deve garantire la sicurezza del traffico aereo sul Paese, ha fatto sapere che in pratica lo spazio aereo resterà chiuso per 24 ore.

Non solo aerei negli hangar. Oggi, in Belgio, sono fermi pure treni e autobus. Così come le scuole e i tribunali. Anche molti negozi hanno deciso di non aprire, per solidarietà con i sindacati che non ci stanno alle norme sul risparmio decise dal premier Charles Michel. L'agitazione negli aeroporti è iniziata alle 22 di ieri sera a durerà fino alla stessa ora di oggi.

I sindacati protestano pure contro l'innalzamento dell'età pensionabile da 65 a 67 anni. Le emittenti radiotelevisive, sempre per l'agitazione, oggi trasmettono solo musica. Uno sciopero compatto. Per quanto riguarda i collegamenti ferroviari, la compagnia belga Snbc ha comunicato che i collegamenti interni al Paese saranno sospesi fino a questa sera alle 21. Lo stesso vale per quelli internazionali con Eurostar e Thalys.

Sciopero Belgio

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO