Pena di morte, fine della moratoria in Giordania: 11 impiccati per omicidio

Il generale Hussein Majali ha confermato che le undici persone impiccate oggi erano stato condannate a morte per omicidio.

President Barack Obama Meets With King Abdullah II of Jordan

La Giordania riprende le esecuzioni. Otto anni dopo la moratoria che aveva messo in pausa gli omicidi di Stato, il Paese di Abd Allah II di Giordania ha giustiziato undici persone condannate per diversi casi di omicidio, tutte impiccate all’alba di oggi.

La conferma è arrivata direttamente dal Ministro dell’Interno, il generale Hussein Majali, che non ha accompagnato la sua dichiarazione da una spiegazione del perchè la moratoria, mai effettivamente dichiarata, sia stata rotta.

Nelle scorse settimane, però, Majali aveva comunicato che l’opinione pubblica aveva dato la colpa del recente aumento della criminalità nel Paese al fatto che da anni non ci fossero più le esecuzioni. Oggi il Governo ha preso una posizione pesante e ha impiccato ben 11 detenuti.

Ad oggi, lo confermano fonti giudiziarie locali, sono circa 122 le persone condannate a morte in Giordania, tutte ancora detenute in carcere. Non è chiaro, al momento, se le esecuzioni di questa mattina siano soltanto le prime di una lunga serie o se il Regno Hascemita di Giordania abbia voluto soltanto dare un radico messaggio al pubblico.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO