Boko Haram: strage a Baga, forse 2000 i morti

Drammatica la situazione dei profughi dopo i raid degli scorsi giorni

Aggiornamento 8 gennaio. I miliziani integralisti di Boko Haram avrebbero assaltato la città di Baga, nel nord-est della Nigeria, e 16 altri villaggi in diversi raid negli ultimi giorni. Le notizie che arrivano sono frammentarie, ma le testimonianze riferiscono di cadaveri in strada, case date alle fiamme e devastazione senza limiti. Si teme che i raid abbiano causato 2000 morti, ma è impossibile fare un bilancio. Per il momento il primo conteggio provvisorio è di 100 vittime, ma è molto parziale.

È la BBC a dare la notizia, riferendo le dichiarazioni di un ufficiale militare. La stima complessiva ma non confermata delle vittime di Baqa, nei raid tra il 3 gennaio ed oggi, è stata fatta sulla base di quanto raccontato dai parenti, ha spiegato al telefono Musa Bukar, presidente del governo locale per il distretto di Kukawa nello Stato del Borno, che include la città teatro delle violenze.

Secondo la France Presse le località colpite in questi ultimi giorni sono 16. E c'è anche il dramma dei numerosi profughi in fuga dalle violenze. Fonti locali parlano di almeno 560 persone fuggite e bloccate su un’isola del lago Ciad al confine con la Nigeria, senza cibo e acqua.

Boko Haram conquista la base militare di Baga


4 gennaio. I terroristi di Boko Haram continuano a conquistare terreno in Nigeria a suon di massacri e rapimenti. Dopo il sequestro di 40 ragazzi a nord-est del Paese pochi giorni fa, è di oggi la notizia che il gruppo di militanti è riuscito nell’intento di conquistare la città di Baga, preziosa la presenza di una base della Multi-National Joint Task Force, composta da truppe della Nigeria, del Ciad e del Niger.

L’assalto è avvenuto ieri, confermato dai cittadini riusciti a fuggire e dai politici locali. Boko Haram avrebbe massacrato parte della popolazione e fatto fuggire i militari che occupavano la base, riuscendo di fatto a prendere il controllo di tutta la città.

La Multi-National Joint Task Force (MNJTF) è stata istituita nel 1998 per contrastare la criminalità nell’area del lago Ciad, che tocca proprio i tre Paesi sopra citati, ma di recente ha cominciato a impegnarsi nella lotta contro Boko Haram.

Quest’ultima battaglia è stata vinta dal gruppo terrorista, riuscito: i militari sono stati fatti fuggire e lo stesso vale per i cittadini, quelli riusciti a scappare al massacro.

Con la conquista di Baga, lo confermano fonti locali, Boko Haram ora controlla di fatto tutto lo stato di Borno. Baga, infatti, era l’unica città controllata ancora dal governo nigeriano.

stato del borno in nigeria

Via | DailyPost

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO