Pomezia: incendio, donna muore intossicata

Una donna di 42 anni è morta nell'incendio del suo appartamento, a Pomezia. Fiamme partite probabilmente da una sigaretta accesa.

Vigili Pomezia

Una donna è morta intossicata nell'incendio divampato la notte scorsa in una casa di via Singen, a Pomezia, non lontano da Roma. La vittima aveva 42 anni e non ha avuto scampo perché le fiamme hanno interessato proprio la stanza dove dormiva. Al momento sono aperte varie ipotesi sullo sviluppo del rogo: non si esclude che la 42 enne si sia addormentata con la sigaretta accesa e che successivamente abbiano preso fuoco le coperte del letto.

I vigili del fuoco sono riusciti a salvare i genitori, che abitavano con la figlia, e che sono rimasti leggermente intossicati. Sono stati trasportati in ospedale dal 118. Sulla vicenda indagano i carabinieri della stazione di Pomezia. Il palazzo, di 13 piani, è stato evacuato completamente durante le operazioni. Ma, al momento, come hanno fatto sapere i pompieri, è inagibile. Prima di poter dare l'ok per il ritorno dei residenti, verranno fatte tutte le verifiche strutturali.

L'appartamento aggredito dalle fiamme si trova al sesto piano. E' andato completamente distrutto, compresi arredi e suppellettili. La salma della donna è stata messa a disposizione dell'Autorità giudiziaria che presumibilmente disporrà l'autopsia per stabilire le cause esatte del decesso. I genitori della donna, dopo essere stati medicati alla clinica Sant'Anna di Pomezia, sono stati dimessi.

Lo scorso 19 dicembre, a Roma, si era verificato un caso simile. Una donna di 85 anni era morta dopo aver lasciato accesa la sigaretta che stava fumando. In quel caso, le fiamme erano divampate dal comò della camera da letto, fino a colpire i vestiti e l'intera stanza. L'anziana era già morta all'arrivo dei soccorsi, intossicata dal fumo nel suo letto.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO