Australia: squalo attacca e uccide surfista

Uno squalo ha ucciso un surfista giapponese in Australia; il giorno prima, un altro amante del surf era stato ferito da un pescecane poco lontano.

Uno squalo ha attaccato e ucciso un surfista al largo della costa orientale dell'Australia, nella stessa zona in cui il giorno prima un altro amante del surf era stato morso da un pescecane. Lo ha detto la polizia locale. Teatro dell'aggressione fatale Shelly Beach, nella città di Ballina, Nuovo Galles del Sud. A 20 chilometri da Seven Mile Beach, dove c'era stato l'attacco 24 ore prima ai danni di un 35 enne che stava praticando surf.

Gli squali sono comuni in prossimità delle spiagge australiane, ma gli attacchi mortali sono rari. Il Paese ne ha registrati una media di due all'anno negli ultimi decenni. A settembre scorso, un nuotatore di 50 anni era stato ucciso da uno squalo a Byron Bay, sempre nel Nuovo Gallese del Sud. A Shelly Beach, le spiagge sono state temporaneamente chiuse.

Secondo le prime informazioni che arrivano dall'Australia, la vittima dovrebbe essere di nazionalità giapponese. L'aggressione è avvenuta sotto gli occhi di molti testimoni, che però non hanno potuto fare nulla per evitare la tragedia. Alcuni surfisti hanno portato a riva l'uomo dopo che lo squalo gli aveva dilaniato le gambe, prestandogli i primi soccorsi. Ma non c'è stato niente da fare.

L'animale sarebbe sbucato improvvisamente, mordendo gli arti inferiori della vittima. Appena 24 ore, come detto, un altro attacco - fortunatamente non mortale - ai danni di un 35 enne, Javez Reitman, che ha descritto lo squalo come di una lunghezza di curca 2 - 3 metri: "Inizialmente pensavo fosse un delfino, ma poi mi sono reso conto che le lacerazioni erano significative e ho capito che ero stato attaccato da un pescecane".

Squalo Australia

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO