Terremoto tra Bologna e Firenze: oltre 20 scosse di assestamento

Terremoto al confine tra Emilia e Toscana: la scossa più forte del 3,9 sull'appennino

Terremoto Emilia-Toscana

18 febbraio 2015 - La forte scossa di ieri ha dato il via a uno sciame sismico che ha fatto tremare la terra tra Firenze e Bologna almeno una ventina di volte tra il tardo pomeriggio di ieri e la prima mattinata di oggi. Scosse tra l’Appennino Bolognese e l’Appennino Pistoiese con magnitudo tra 1.6 e 2.5, alcune avvertite chiaramente dalla popolazione che, da ieri, è in stato d’allerta.

Non si sono segnalati danni a cose o persone.

sciame sismico firenze bologna

Terremoto tra Bologna e Firenze: scossa del 3.9 sull'Appennino

Una scossa di terremoto alle ore 20:42 ha spaventato la popolazione dell'Appennino bolognese. Secondo i sismografi dell'INGV si è trattato di una scossa del grado 3,9 della Scala Richter ad una profondità di 7,2km, con epicentro nei pressi del comune di Fiorenzuola. Questa scossa è stata avvertita anche a Bologna e Firenze (distanti rispettivamente 50 e 80 chilometri dall'epicentro), anche se in maniera lieve. In totale fino a questo momento sono state registrate 7 scosse, la meno intensa del grado 2 della Scala Richter.

Già verso la fine di gennaio la zona è stata interessata da alcune scosse di terremoto, la più rilevante del grado 4,3 verificatasi alle ore 07:51 del 23 gennaio. Anche in quel caso si trattò di un piccolo sciame sismico che fece passare una brutta nottata agli abitanti dei centri abitati dell'appennino bolognese, mettendo in allerta le autorità locali. In quel caso i Sindaci decisero di chiudere le scuole in 10 comuni per motivi precauzionali, per consentire ai tecnici di verificare la solidità strutturale degli edifici.

Schermata 2015-02-17 alle 21.34.55

Questo il tweet del INGV:


  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO