Ucraina, esplosione in una miniera di Donetsk: 32 morti

Ma ci sarebbero ancora 47 dispersi. La causa da ricercare in una fuga di gas.

Di Donetsk in questo periodo si parla sempre in quanto regione filorussa che ha proclamato la sua indipendenza e quindi al centro degli scontri con l'esercito ucraino; prima che in quel paese scoppiasse la guerra civile, Donetsk era però nota soprattutto in quanto distretto minerario (Shaktar, il nome della squadra di calcio, significa proprio "minatori"). E oggi è proprio sotto queste vesti che torna tristemente sotto i riflettori.

Ci sarebbero infatti 32 minatori morti in seguito a un'esplosione nella miniera di carbone Zasiadko. L'esplosione sarebbe stata causata da una fuga di gas. Stando ai responsabili della sicurezza della miniera, i soccoritori non sarebbe ancora scesi sotto terra, perché impegnati prima a rimuovere il gas per poi poter scendere in sicurezza.

Stando al sindacato, però, non ci sono solo i morti, ma anche ben 47 dispersi. I numeri, però, sono ancora molto ballerini: il sindacato parla di 207 operatori che si trovavano in miniera al momento dello scoppio; nell'area circoscritta colpita dall'esplosione sarebbe stati invece 53, con cinque feriti gravi.

Dal ministero della repubblica ribelle arrivano invece notizie su un solo minatore morto e 14 feriti, con 70 dispersi. Insomma, non ci sono ancora notizie ufficiali e assolutamente attendibili. È invece tristemente noto come all'interno di quella miniera, nel corso degli anni, ci siano stati numerosi incidenti mortali.

UKRAINE-RUSSIA-CRISIS-COAL-ENERGY-TRADE

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO