Istanbul: bomba contro giornale islamico. Morto un giornalista

Il mensile Adimlar è vicino a un gruppo radicale islamico.

Nella redazione della rivista Adimlar, a Istanbul, ieri sera c'è stata una forte esplosione che ha causato la morte di un giornalista e il ferimento di altre tre persone. La polizia ha riferito che l'esplosione è stata causata da una bomba che si trovava in pacco aperto dal giornalista che ha perso la vita.

Si tratta dunque di un attentato contro la rivista il cui nome significa "Passaggi" e che sarebbe vicina a un gruppo radicale islamico, tanto da aver elogiato l'uccisione di un agente dei servizi segreti israeliani da parte dell'Isis.

Adimlar ha più volte denunciato l'esistenza di un imperialismo coloniale occidentale nel Medio Oriente e più in generale nel mondo islamico e aveva anche sostenuto la necessità di difendersi contro di esso anche con l'uso delle armi.

Il gruppo islamico vicino alla rivista sarebbe il Fronte Islamico del Grande oriente Islamico (IBDA-C), fondato negli anni settanta e considerato al pari di un gruppo terrorista sia dalla Turchia, sia dall'Unione Europea, sia dagli Stai Uniti. Questa formazione terroristica si pone l'obiettivo di creare una repubblica islamica e instaurare il califfato.

Come si può vedere nel video in apertura di questo post, l'esplosione ha squarciato la parete delle redazione del mensile che si affaccia alla strada. La parte più danneggiata è al terzo piano. Il video è stato girato poco dopo lo scoppio, mentre arrivavano i primi soccorsi. I feriti sono stati portati negli ospedali più vicini.

Per ora non ci sono state rivendicazioni dell'attentato. Ricordiamo che il 7 giugno in Turchia ci saranno le elezioni politiche.

Esplosione rivista Adimlar Istanbul Turchia

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO