Villa Literno: neonata in una busta di plastica, il poliziotto la salva e la vuole adottare - video

L'agente aveva perso il figlio di 10 anni per una grave malattia, dice di voler adottare la bimba che ha salvato

Una drammatica storia, per fortuna a lieto fine, arriva dal casertano: una neonata abbandonata in una busta di plastica viene salvata dall'agente di polizia Raffaele Santoro che decide poi di volerla adottare.

I fatti sono successi a Villa Literno, in provincia di Caserta. I proprietari di un bar segnalano alla Polizia la presenza di una bambina in una busta di plastica lasciata vicino l'ingresso del locale. Arriva una squadra delle forze dell'ordine che trova la neonata in brutte condizioni, la bimba ha forti difficoltà respiratorie. L'agente Santoro, con una delicata manovra, interviene facendo pressione sul torace permettendo alla neonata di riprendere la respirazione.

La storia della piccola si intreccia con quella della famiglia dell'agente: tre anni fa il poliziotto ha perso il figlio Nicola, 10 anni, a causa di una malattia con frequenti crisi respiratorie. Proprio il figlio scomparso disse alla madre di volere un fratello e chiamarlo Emanuele, per questo è stato deciso di dare il nome Emanuela alla piccola che ora per fortuna è in buone condizioni, pesa 2,5kg.

"Il pensiero più grande è quella di portarla a casa con me, di adottarla - ha raccontato l'agente Santoro ai microfoni del Tgr Campania - e farla crescere nella nostra famiglia, per riempire quel vuoto". Ovviamente al momento non è ancora possibile sapere se la volontà del poliziotto di adottare la bimba potrà realizzarsi.

Il momento dell'abbandono della piccola Emanuela è stato ripreso dalle telecamere di sicurezza poste all'esterno del bar (video in alto): una donna con una giacca con cappuccio ripone per terra una busta di plastica che contiene la piccola. Le immagini potrebbero risultare preziose nella caccia alla donna.

raffaele-santoro
Foto da Tgr Rai

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO