Somalia: Agguato di Al Shabaab al ministero dell'Istruzione. Almeno 5 morti

Degli uomini armati sono riusciti ad entrare nel ministero dell'Istruzione di Mogadiscio, capitale della Somalia. Secondo le principali agenzie di stampa internazionali, l'irruzione sarebbe stata preceduta da una forte esplosione provocata da un kamikaze. Per il momento, il bilancio è di cinque-sette morti (fonte Bbc) e un numero imprecisato di feriti.

L'atto terroristico è stato rivendicato dalle milizie islamiste di al-Shabab. Nel corso dell'agguato, il portavoce del gruppo, Abdiasis Abu Musab, avrebbe rivelato "Siamo dentro e i combattenti stanno proseguendo [...] Il palazzo è sotto attacco" (fonte Anp). "Gli assalitori sparano dalla sommità dell’edificio, mentre le forze del governo sparano da ogni parte", ha invece raccontato un testimone.

Solo dopo due ore la situazione è tornata sotto controllo, con le forze dell'ordine somale che hanno ucciso due assalitori. A tale riguardo, un ufficiale ha dichiarato alla stampa: "Le forze dell’Unione africana sono sempre rimaste nell’edificio per garantire protezione, altrimenti la situazione sarebbe stata peggiore. Ora i combattimenti sono finiti e il palazzo è stato messo in sicurezza".

L'ultimo attentato di al-Shabab risale al 27 marzo scorso, quando i fondamentalisti avevano attaccato il Maka al-Mukarama hotel. Durante quell'occasione persero la vita 18 persone, compreso l'ambasciatore delle Nazioni Unite in Svizzera

Il gruppo insurrezionale islamista è affiliato ideologicamente ad al-Qaeda. E' stato cacciato dalla capitale nel 2011 ed ha ora la sua base operativa nelle zone rurali del paese. Tuttavia, continua le sue azioni di destabilizzazione con attacchi suicidi in zone simboliche di Mogadiscio. Come Boko Haram si oppone "all'educazione corrotta dell'occidente" e, dunque, l'attacco al ministero dell'Istruzione potrebbe non essere stato un caso.

al Shabaab

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO