Scatta l'allarme all'ostensione della Sindone: sembra un manganello, invece è un sex toy

Il metal detector rileva un oggetto che sembra pericoloso. E invece c'è solo un momento di imbarazzo.

FRANCE-JUSTICE-CRIME

Immaginatevi la scena: la fila ai controlli per andare a visitare la Sindone esposta a Torino da domenica, atmosfera compìta e raccolta tra visitatori, pellegrini e uomini di chiesa, e a un certo punto il metal detector che rileva qualcosa che sembra pericoloso. Un manganello, forse.

Al che le forze dell'ordine che controllano i varchi dei giardini reali prima di accedere al percorso che porta alla Sindone, chiedono a una donna di aprire la borsa. Ma all'interno della borsa non si trova un tonfa, né tantomeno un manganello telescopico. L'oggetto tubolare dalla base larga è semplicemente un sex toy, un vibratore, per la precisione.

Momento di imbarazzo - probabilmente la donna non si aspettava di dover passare dal metal detector e una volta giunta lì ha sperato che l'oggetto non destasse preoccupazioni - ma niente di più. Perché visitare la Sindone con un sex toy in borsa ovviamente non è proibito. E quindi, sospiro di sollievo tra gli uomini in divisa e via libera per la pellegrina.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO