Milano: annuncia il suicidio su Facebook, ma viene salvata

"Ero disperata", spiega la donna. Ma dopo il post sul social network è stato recuperato il suo indirizzo e i vigili del fuoco sono intervenuti in tempo.

Schermata 2015-04-28 alle 12.05.38

Ex docente in pensione, residente a Monza, 1.200 di pensione e un cagnolino a farle compagnia. Tra le attività, però, anche quella di partecipare attivamente al gruppo Facebook "Sei di Monza se...". Ed è proprio lì che la signora Marisa aveva deciso di annunciare il suo suicidio: "È venuto il momento di farla finita, una volta per sempre, e di salutare tutti voi e la mia bella Monza".

Un post scritto in un momento di grave scoramento, che ha però mobilitato subito tutto il gruppo, che si è attivato per riuscire a reperire l'indirizzo della donna, mentre nel frattempo arrivavano incoraggiamenti di ogni tipo a non mollare. In pochi minuti è stato trovato l'indirizzo della sua abitazione e allertate le forze dell'ordine, che si sono recati sul posto e sono entrate nell'appartamento entrando dalla finestra.

La signora Marisa stava bene, ha accettato l'invito di pompieri e polizia a uscire di casa. Passata l'emergenza, la donna ha voluto scrivere un post sul gruppo Facebook per ringraziare tutti: "Grazie mille a tutti voi! Quando ho scritto quel post, ero disperata. Ma mi sono accorta che mi siete stati tanto vicini e che ho tanti amici reali. Sono tornata a casa mezz’ora fa, prelevata al pronto soccorso da Francesca Bianco e dal Signor Alberto Arosio. Tutto a posto, per fortuna! Sono stata indirizzata alla struttura che può aiutarmi sia psicologicamente, che economicamente. Charlie (il suo cane, ndr) è stato affidato da Francesca in ottime mani e lo riporterò con me martedì. Buona notte a tutti. Marisa".

Nel frattempo, è scatta una gara di solidarietà tra chi sta cercando di trovarle un nuovo posto di lavoro, chi sta organizzando collette di beneficenze e raccolte fondi per aiutarla con le spese sanitarie. Sul gruppo, intanto, si è fatto vivo anche il fratello, che ha ringraziato tutti per l'aiuto facendo però presente come la situazione difficoltosa della donna sia frutto delle scelte sbagliate compiute nell'amministrare un patrimonio definito "consistente" e anche della non volontà di farsi aiutare da chi le sta vicino.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO