Catania, muore per un malore e i parenti danneggiano l'ambulanza

La donna accusa un malore e muore poco dopo. I parenti si arrabbiano per il ritardo dei soccorsi

PENTAX Image

A Giarre, nel catanese, una donna di 52 anni è morta dopo aver accusato un malore nella sua abitazione; i suoi parenti, ritenendo che il decesso fosse dovuto a un ritardo nei soccorsi, quando questi sono giunti sul posto hanno danneggiato l'ambulanza che non avrebbe avuto il medico rianimatore a bordo e che aveva trasportato la paziente nella pista di atletica per farla prendere a bordo dell'elisoccorso.

I familiari hanno presentato una denuncia ai Carabinieri ma sul posto sono dovuti intervenire una quindicina di militari per riportare la calma e tranquillizzare gli animi dopo che il personale dell'elisoccorso ha constatato il decesso della donna.

I fatti sono avvenuti questa mattina intorno alle 8:30 e la sfortunata vittima si chiamava Maria Mercurio, colta da un malore mentre si trovava a casa, in via Romagna, nel quartiere popolare Jungo.

Secondo quanto ricostruito dai quotidiani locali sul posto non sarebbe potuta intervenire l’ambulanza medicalizzata di Giarre (Ct) perché impegnata in un altro soccorso a Calatabiano, pare per un tentativo di suicidio. Dopo circa 30 minuti sarebbe quindi intervenuta l’ambulanza della postazione 118 di Mascali che, però, non è dotata di medico a bordo. Allertato l'elisoccorso, quando questi è atterrato non c'era più nulla da fare: la donna non è stata nemmeno trasportata in ospedale, al Cannizzaro, in quanto già deceduta.

Secondo il 118 la donna era morta già in casa mentre i familiari sostengono che fosse deceduta durante la lunga attesa dei soccorsi, una posizione che ha surriscaldato rapidamente gli animi e portato ad una rissa generale. Secondo quanto riporta laRepubblica lo scorso 27 aprile l'Asp di Catania ha deciso di chiudere il pronto soccorso dell'ospedale che in questi anni ha subito un progressivo depotenziamento.

(in aggiornamento)

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO