Afghanistan, uccisi nove cooperanti di una Ong ceca

Le vittime lavoravano per l’Ong People in Need. Nei primi quattro mesi del 2015 il numero di vittime civili in Afghanistan è aumentato del 16%

475487860

Nove dipendenti afghani di una organizzazione umanitaria ceca sono stati uccisi durante un attacco terroristico che è stato portato a termine nel distretto di Balkh della provincia di Balkh, nell’Afghanistan settentrionale.

Le vittime dell’attacco all’Ong sono sette operatori umanitari (sei uomini e una donna) e due guardie. I funzionari locali hanno accusato i talebani per l’attacco.

Le vittime erano dipendenti di People in Need (PIN), un’organizzazione umanitaria della Repubblica Ceca che distribuisce aiuti in Afghanistan dal 2001. Nessun gruppo armato ha finora rivendicato la responsabilità per le uccisioni, ma l’attacco sembra rappresentare la consueta intensificazione degli attacchi che coincide spesso con la fine della primavera e l’inizio dell’estate.

Gli operatori internazionali sono sempre più sotto attacco in Afghanistan, nonostante i talebani abbiano sposato ufficialmente una politica che vieta gli attacchi contro le associazioni umanitarie.

L’ultimo attacco arriva a poche settimane dall’attentato di Kabul contro una pensione frequentata da alcuni operatori umanitari internazionali che ha fatto ben 14 vittime, perlopiù straniere.

Nei primi quattro mesi del 2015 le vittime civili in Afghanistan sono state superiori del 16% allo stesso periodo dell’anno precedente. Il presidente Ashraf Ghani si è attirato numerose critiche per il ritardo nella nomina di un candidato per il posto di ministro della difesa. Il posto è vacante da mesi a causa dei disaccordi fra il presidente Ghani e il suo ex rivale alle presidenziali Abdullah Abdullah.

Via | Al Jazeera

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO