Riccione, 16enne morto per ecstasy: il pusher ha confessato

Aggiornamento ore 20:30 - Il pusher che ha venduto l'ecstasy a Lamberto Lucaccioni e a due suoi amici ha confessato: ha dato la droga ai tre ragazzi a Città di Castello, poi ha aspettato che saldassero il conto a Riccione, proprio la sera in cui il 16enne è morto. La confessione è avvenuta tra le lacrime davanti ai genitori e agli avvocati difensori. Lo spacciatore ha 19 anni, si è diplomato al Liceo Classico, la stessa scuola della vittima, è di buona famiglia. Presto ci sarà l'autopsia sul corpo di Lamberto.

Intanto gli amici del ragazzo morto hanno raccontato di essere arrivati a Riccione in Treno e di aver incontrato il 19enne in centro, lo hanno pagato con 250 euro, poi, prima di entrare in discoteca, si sono divisi la bottiglietta di un litro e mezzo d'acqua in cui avevano sciolto la droga. Lamberto si è sentito male intorno alle ore 4.

Il pusher ha raccontato di aver fatto credito ai ragazzi perché non voleva tenere la droga con sé e li conosceva, quindi si fidava, sapeva che lo avrebbero pagato con la paghetta dei genitori. Il locale Cocoricò ha fatto sapere di non avere alcun legame con lo spacciatore nonostante lui abbia detto dicollaborare con il locale per far mettere gente in lista ed entrare gratis, particolare invece dalla discoteca. Tra l'altro qualche ore prima della tragedia i carabinieri avevano arrestato al Cocoricò uno spacciatore italo-belga che aveva 10 grammi di mdma, la stessa sostanza che ha ucciso Lamberto, ma non era il suo spacciatore. Quando hanno perquisito l'abitazione del 19enne i militari non hanno trovato droga, ma il ragazzo era spaventato e ha confessato.

Lunedì 20 luglio 2015 - Sarebbe stato identificato il pusher che nella notte tra sabato 18 e domenica 19 luglio avrebbe venduto l'ecstasy a Lamberto, il ragazzo di Città di Castello morto a soli 16 anni mentre ballava al Cocoricò di Riccione. Secondo le informazioni che filtrano oggi, ad aiutare i carabinieri sarebbero stati gli amici di Lamberto Lucaccioni e la loro testimonianza sarebbe risultata fondamentale per identificare lo spacciatore insieme con le immagini delle telecamere di sorveglianza del locale. Il pusher sarebbe un 19enne di Città di Castello, probabilmente conoscente o addirittura amico di Lamberto.

Riccione, 16 morto per ecstasy


Domenica 19 luglio 2015

- Un ragazzo di 16 anni residente in provincia di Perugia è deceduto questa notte all’ospedale di Riccione dopo essersi sentito male mentre si trovava all’interno della discoteca Cocoricò.

Il giovanissimo si trovava nel locale insieme a un gruppetto di amici quando, intorno alle 4 del mattino, ha accusato un malore e ha perso conoscenza. Inutili gli immediati soccorsi del 118: l’adolescente è deceduto poco dopo il trasporto in ospedale.

Le cause del decesso sono ancora tutte da verificare, ma secondo le prime indiscrezioni si ipotizza che il giovane avesse assunto una pasticca di Ecstasy, o MDMA che dir si voglia. I carabinieri sono già al lavoro per rintracciare lo spacciatore che avrebbe venduto o ceduto la pasticca - o le pasticche, tutto è ancora da accertare - al giovanissimo.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO