Usa, il manifestante del Ku Klux Klan si sente male, lo aiuta un agente di colore

In South Carolina si è svolta ieri una manifestazione del Ku Klux Klan in difesa della bandiera confederata alla quale per fortuna non hanno preso parte molto persone, anche se quelle che c'erano si sono rivelate piuttosto rumorose e soprattutto fastidiose, con i loro insulti razzisti, le svastiche e le urla contro gli afroamericani.

Ebbene una foto scattata da Rob Godfrey ha fatto il foro del mondo: ritrae un poliziotto di colore che aiuta uno dei manifestanti che si è sentito male. L'agente si chiama Leroy Smith e con quel semplice gesto ha reso ancor più evidente quanto fosse ridicola quella manifestazione e quanto lo sia il fatto che ancora esista il KKK. L'uomo che si è sentito male è un anziano suprematista con indosso una maglietta nera con tanto di bandiera confederata sopra. Leroy Smith non si è fatto condizionare né dalla t-shirt né dalla manifestazione e ha aiutato il vecchio come se fosse un cittadino qualunque portandolo al riparo dal caldo e dal sole cocente e facendogli bere dell'acqua. Il suo gesto, semplicissimo e spontaneo, è diventato un simbolo della lotta al razzismo.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO