Morta una delle vittime degli accoltellamenti alla Jerusalem Gay Pride Parade

Shira Banki, la ragazza pugnalata al Gay Pride di Gerusalemme di giovedì scorso è morta quest’oggi

domenica 2 agosto - Shira Banki, la ragazza pugnalata al Gay Pride di Gerusalemme di giovedì scorso è morta quest’oggi. Il suo aggressore, Yishai Schlissel, è ora accusato di omicidio. L’uomo, un ebreo ortodosso, aveva già scontato 10 anni di carcere per un’aggressione analoga. Ariel Stern, rabbino capo di Gerusalemme, ha fatto visita agli altri feriti e ha chiesto ai fedeli di pregare per loro.

venerdì 31 luglio 2015 - Sei persone sono state accoltellate durante la Gay pride parade di Gerusalemme, mentre un sospetto è stato arrestato. Le persone ferite hanno ricevuto i primi trattamenti medici sul posto e sono poi state trasferite in ospedale. Due di queste sei persone sono però considerate in condizioni gravi.

Nonostante ci si aspettasse una bassa affluenza, a differenza di quanto avviene a Tel Aviv, la parade di Gerusalemme ha visto la partecipazione di migliaia di persone, secondo alcuni circa 5mila, inclusi membri dei partiti Meretz e dell'Unione Sionista. Ad esempio, all'edizione dello scorso anno non avevano partecipato più di 500 persone.

Non si conoscono le ragioni che hanno portato all'accoltellamento, ma si sa che ogni anno la manifestazione provoca molte polemiche, soprattutto nella destra religiosa ultraortodossa. Nel 2005 fece molto clamore lo scontro fisico che ci fu tra una dozzina di ultraortodossi e esponenti della comunità LGBT israeliana e l'accoltellamento di tre ragazzi omosessuali per cui il responsabile si è fatto dieci anni di galera.

Anche in questo caso, il sospetto colpevole è un ultraortodosso e alcuni sospettano che potrebbe trattarsi della stessa persona. L'attacco ha avuto luogo in Keren Hayesod Street, dopodiché è stato deciso che la parata sarebbe proseguita.

Centinaia di agenti di polizia e volontari stanno seguendo la parata per assicurarsi che tutto proceda regolarmente, mentre è stato consentito a una trentina di estremisti di destra di protestare contro l'evento vicino alla grande sinagoga di Gerusalemme, che si trova non lontano dal percorso. schermata-2015-07-30-alle-18-36-46.png

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO