Cisgiordania, morto il padre del bimbo ucciso una settimana fa

Nove giorni dopo l’incendio appiccato da estremisti ebrei nella sua casa del villaggio di Kfar Douma, nei pressi di Nablus, in Cisgiordania, Saad, il padre del piccolo Ali Saad Daubasha è morto per le conseguenze delle ustioni riportate nel disperato tentativo di salvare la sua famiglia.

In quella drammatica notte l’uomo era riuscito a portare fuori dalla sua abitazione la moglie e l’altro figlio di quattro anni, poi era tornato in casa a cercare il piccolo di appena 18 mesi, ma non era riuscito a trovarlo.

I fatti dello scorso 31 luglio erano stati immediatamente bollati come un atto di terrorismo e il premier israeliano Benjamin Netanyahu aveva promesso di perseguire con tutti i mezzi i responsabili del gesto.

E proprio questa mattina la polizia israeliana ha annunciato di avere arrestato alcuni sospettati di operazioni nelle colonie della Cisgiordania occupata. Si tratterebbe proprio di elementi coinvolti nell’uccisione del bimbo palestinese e di suo padre e, in ogni caso, sono i primi arrestati perché ritenuti direttamente lòegati agli eventi di Kfar Douma.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO