Doppio attentato in Turchia: ucciso esponente dell'Akp

Un ordigno è invece esploso ferendo cinque poliziotti.

schermata-2015-08-31-alle-16-59-51.png

Ennesima giornata molto difficile sotto il fronte dell'ordine pubblico in Turchia, dove la recrudescenza dello scontro con il Pkk si sta facendo sempre più pesante. Nella mattinata di oggi almeno cinque poliziotti sono rimasti feriti quando una bomba posta sul ciglio della strada è esplosa al passaggio di un veicolo della polizia nella provincia sudorientale di Simak.

Stando alle notizie riportate da fonti ufficiali, i responsabili sono i militanti del Pkk, il partito dei combattenti curdi. Tra i poliziotti colpiti dall'ordigno, cinque sono rimasti feriti e sono stati immediatamente portati in ospedale. Si tratta dell'ennesimo attentato da parte dei militanti curdi contro la polizia.

Diversa invece la tipologia del secondo attentato di oggi, avvenuto nella capitale curda di Diyarbakir e che aveva nel mirino una sola persona: Yunus Kojka, 31enne ex responsabile della sezione giovanile dell'Akp, il partito del premier Erdogan.

Kojka è stato colpito e ucciso nella farmacia in cui lavorava. colpito da parte di uomini armati che non sono stati ancora identificati. Non si sa chi ci sia dietro questo omicidio, ma visto la zona in cui è avvenuta si pensa che si tratta dell'ennesimo episodio dello scontro tra le autorità e i gruppi armati turchi.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO