Francia, sospeso console onorario in Turchia: vendeva gommoni ai profughi

Profughi Bodrum, gommone

La Francia ha sospeso una console onoraria in Turchia, il suo nome è Françoise Olcay, colpevole di fare affari con il traffico di migranti: in particolare vendendo loro gommoni e giubbotti di salvataggio per affrontare la traversata verso le coste greche. È successo a Bodrum, dove è stato ritrovato il corpo di Aylan, il bambino di tre anni trovato senza vita sulla spiaggia. A incastrare la donna un'inchiesta dell'emittente televisiva France 2.

La Olcay, console onorario dal 2014, una carica che viene assegnata su base volontaria, è proprietaria di un negozio si attrezzature marittime. In questi mesi gli affari sono andati piuttosto bene visto che proprio in quel negozio centinaia di profughi hanno acquistato piccole imbarcazioni gonfiabili con cui affrontare il viaggio della speranza verso l'Europa. Il giornalista di France 2, autore dello scoop, è rimasto senza parole di fronte alle giustificazioni della donna che ha spiegato che in fondo se non li avessero venduti loro, lo avrebbe fatto qualcun altro.

Immediata la reazione dalla Francia, il capo della diplomazia transalpina, il ministro degli esteri Laurent Fabius, ha sospeso la console onoraria dalle sue funzioni. Il suo portavoce, Romain Nadal ha spiegato: "I fatti sono seri e inaccettabili per un console onorario, la battaglia contro il traffico di essere umani è una priorità per la Francia e non possiamoaccettare quanto scoperto da un giornalisti in Turchia". Il servizio di France 2 è andato in onda nella serata di venerdì 11 settembre, la sospensione è stata praticamente immediata.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO