MIgranti, due tragedie in Grecia e in Turchia

Quattro morti nel mar Egeo (tra cui tre bambini) e 12 in Turchia.

Profughi Bodrum, gommone

aggiornamento 13.47 - 12 migranti sono morti nel naufragio di un barcone che si trovavaa nelle acque turche nel tentativo di raggiungere le coste greche. La guardia costiera turca ha recuperato i corpi, a bordo di un'imbarcazione di legno che era partita dalla località balneare turca di Ayvalik. (fine aggiornamento)

Non si parla più così tanto di quella "emergenza migranti" che ha monopolizzato l'attenzione durante il periodo estivo, il che non significa che non ci siano più persone che stanno cercando di raggiungere l'Europa per sfuggire a guerra e povertà mettendo a rischio la loro vita.

Quattro persone sono morte annegate nel mar Egeo, al largo dell'isola greca di Kalymnos, mentre cercavano di raggiungere la Grecia. La guardia costiera ha fatto sapere di stare ancora procedendo nelle ricerche dei dispersi e di aver salvato 13 persone durante il naufragio.

Delle quattro persone decedute, tre erano bambini. E un bambino risulta essere anche il disperso che proprio in queste ore si sta cercando. Nel corso del 2015, in Grecia sono arrivato 400mila richiedenti asilo.

Intanto, in Ungheria, è stato definitivamente sigillato il valico di frontiera con la Croazia, in modo da impedire anche questa porta di accesso ai migranti che tentano l'arrivo nell'Unione Europea. Il valico, però, potrà essere attraversato dai richiedenti asilo, aspetto che mostra una parziale correzione della rotta finora seguita dal governo Orban.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO