Romania, incendio discoteca Bucarest: 50 morti

11 novembre 2015 - Il bilancio del rogo a Bucarest cresce ancora: sono 50 al momento le vittime dell'incendio in discoteca. Nelle ultime ore sono morti due degli ustionati in cura in Gran Bretagna. Il bilancio potrebbe purtroppo aggravarsi ancora perché a Bucarest ci sono 24 feriti in condizioni critiche.

7 novembre 2015 -È deceduta quest’oggi Tullia Ciotola, la studentessa italiana, originaria di Napoli, che una settimana fa era rimasta gravemente ustionata nell’incendio avvenuto in una discoteca di Bucarest.

Il decesso è avvenuto durante il trasporto all’ospedale di Rotterdam. Dove era stato disposto il trasferimento di otto gravi ustionati. Il bilancio delle vittime dell’incendio della discoteca Club Colectiv è salito a 39 morti, circa un quinto delle persone (200) che erano presenti nella struttura al momento in cui si è scatenato il rogo.

Romania: il premier Ponta si dimette per l'incendio nella discoteca di Bucarest

4 novembre 2015 - Il premier della Romania, Victor Ponta, si è dimesso. Dopo il deflagrare di proteste di massa per la tragedia di venerdì scorso, quando in una discoteca di Bucarest è divampato un incendio che ha causato la morte di 32 persone (e altre 180 sono rimaste ferite), il Presidente si sarebbe visto costretto a lasciare l'incarico.

A dare la notizia è stato Liviu Drag, il leader del Partito Socialdemocratico, formazione politica a cui appartiene anche il capo del governo dimissionario.

Tuttavia, al di là dell'incendio in discoteca, è opportuno ricordare che Ponta era già accusato di evasione fiscale, riciclaggio di denaro e falso.

Romania, incendio in un locale durante un concerto metal: 27 morti e 155 feriti


13.05

- Il governo romeno ha stabilito tre giorni di lutto in seguito alla tragedia di ieri notte.

9.00 - Almeno 27 persone, principalmente adolescenti e giovanissimi - sono morte la notte scorsa in un locale notturno di Bucarest, in Romania, dopo che un incendio è divampato nella struttura dopo l’utilizzo di alcuni fuochi d’artificio.

Le fiamme sono di divampate all’interno del Colectiv durante il concerto della band metal romena Goodbye to Graviti. Lo show prevedeva l’utilizzo di fuochi d’artificio e proprio dopo la loro accensione è scoppiata la tragedia: i presenti si sono ammassati verso le uscite e nel delirio generale, tra la calca e il fumo, in 27 non ce l’hanno fatta.

155 persone, secondo quanto riferito da Raed Arafat, ex ministero della Salute e attuale capo del dipartimento che si occupa di gestire le emergenze, sarebbero rimaste ferite e si troverebbero ricoverate in varie strutture ospedaliere della capitale romena. Di queste circa 25 si troverebbero in gravi condizioni.

Il primo ministro Victor Ponta, in visita in Messico, è prontamente ripartito alla volta della Romania, mentre il presidente Klaus Iohannis è subito corso su Facebook per annunciare di essere profondamente in lutto “per i tragici eventi accaduti. E’ un giorno molto triste per tutti noi, per la nostra nazione e per me”.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO