No alla Buona Scuola: la manifestazione a Roma e gli scontri a Napoli e Milano (VIDEO)

Il corteo degli studenti contro la riforma del governo Renzi. Anche scontri a Napoli.

Manifestazioni di studenti a Roma e in tutta Italia contro la riforma della scuola del governo Renzi. Quel pacchetto di misure denominato "Buona Scuola" che fa sì che oggi lo slogan dei manifestanti suoni un po' paradossale: "No alla buona scuola". Se il premier si fa vanto di aver regolarizzato migliaia di precari, i manifestanti di oggi (Cobas, Unicobas, Anief e Cub) chiedono "la stabilizzazione di tutti i precari ingiustamente esclusi" e rifiutano il rinnovo contrattuale con un aumento di 8 euro al mese.

Se i docenti sono arrivati a Montecitorio con fumogeni colorati, gli studenti hanno invece marciato, sempre a Roma, dietro lo striscione "Scuole, spazi, città. Ci riprendiamo tutto". Inizialmente diretti al Miur, gli studenti hanno poi deciso di confluire anch'essi a Montecitorio, per dare manforte ai docenti e raggiungere, dicono loro, quota 5mila (3mila docenti, 2mila studenti). Secondo altri fonti, invece, il numero complessivo di manifestanti sarebbe di sole 3mila persone.

Tutto tranquillo a Roma, si segnalano invece scontri a Napoli, dove gli studenti hanno fatto esplodere petardi e hanno avuto degli scontri con la polizia che hanno causato il ferimento di due giovani e quattro poliziotti sono rimasti coinvolti. Altre cariche di alleggerimento sono segnalate anche a Milano, dove un professore 50enne e una 18enne sono stati colpiti alla testa durante la carica. A Torino, invece, è stata bruciata una bandiera del Partito Democratico.

Tornando nella capitale, si segnala invece un traffico rallentato lungo tutte le principali vie della città, soprattutto nella zona che va da Piramide a Miur e sul Grande Raccordo Anulare tra Prenestina e Laurentina.

Altre manifestazioni sono in programma martedì prossimo in occasione della giornata internazionale dello studente.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO