Tunisia, raffica di arresti dopo l'attentato

cul1hewuaaa7rmx.jpg

venerdì 27 novembre, ore 10:54 - Secondo le autorità tunisine nella notte tra il 25 ed il 26 novembre sono state effettuate ben 526 perquisizioni domiciliari. Sono state fermate a Kairouan 11 persone, accusate a vario titolo di appartenere o simpatizzare con organizzazioni terroristiche, a Biserta sono stati 6 gli arresti mentre altri 6 nella regione di Cap Bon, più 10 nell'area urbana di Tunisi.

16.30 - Lo Stato Islamico ha rivendicato l’attentato kamikaze di ieri a Tunisi con uno dei soliti comunicati a cui è stata allegata la foto del presunto attentatore, identificato dai jihadisti come Abu Abdallah Al-Tunsi, al secolo Imed Ben Salah.

In concomitanza con la rivendicazione del Daesh, le autorità tunisine hanno confermato che l’attentatore, deceduto nell’attacco, aveva con sé uno zaino nero e stava indossando delle cuffiette quando ha provato a salire sull’autobus delle guardie presidenziali e ha azionato l’esplosivo, provocando la morte di 13 persone, attentatore incluso.

25 novembre 2015 - Le indiscrezioni di ieri hanno trovato conferma stamattina nelle parole di Hichem Gharbi, responsabile della sicurezza presidenziale. A provocare l’esplosione che ha ucciso 12 persone sarebbe stato un kamikaze che avrebbe azionato la cintura imbottita di esplosivi militari mentre si accingeva a salire sull’autobus dopo essere riuscito, non è chiaro come, a bypassare la sicurezza.

Le indagini sono ancora in corso. Nessuno al momento ha ancora rivendicato l'attentato.

21:01 - Il Presidente della Tunisia Beji Caid Essebsi ha decretato lo stato d'emergenza per l'intero paese in seguito all'attacco contro un autobus della guardia presidenziale. Il decreto avrà valore per 30 giorni a partire da questa sera: un coprifuoco è stato decretato dalle ore 21 fino alle ore 5 del mattino.

19:29 - Sono piuttosto frammentarie, e persino contraddittorie, le notizie che arrivano dalla Tunisia. Secondo la Reuters l'attentatore sarebbe stato un kamikaze con cintura esplosiva che si sarebbe fatto saltare a bordo del bus, ma questo a nostro avviso potrebbe voler anche dire che l'attentatore era un membro della guardia di sicurezza presidenziale. Secondo l'AFP il bilancio aggiornato dei morti è di 12 persone, mentre altre 16 sarebbero rimaste ferite.

19:11 - Secondo quanto riporta l'agenzia France Presse "la maggior parte delle persone che erano sul bus sono morte". Inizialmente i numeri davano 35 persone, del corpo della guardia presidenziale, a bordo dell'autobus.

Il Presidente Beji Caid Essebsi ha cancellato la sua visita in Svizzera e convocato una conferenza stampa alle ore 20, nella quale renderà i dettagli di quanto successo.

19:01 - Si apprende che l'Algeria, in virtù dell'attentato di Tunisi, avrebbe chiuso le proprie frontiere con la Tunisia. Secondo l'emittente Wataniya online un kamikaze si sarebbe fatto esplodere vicino a uno dei due minibus parcheggiati.

Di seguito le prime immagini provenienti da Tunisi.

L'emittente Mosaique FM informa inoltre che l'aeroporto di Tunisi è stato chiuso, così come anche alcune zone ad alta densità turistica della città.

18:49 - E' possibile fornire qualche dettaglio in più della dinamica dell'attentato aiutandosi con le ricostruzioni fornite da alcuni testimoni (raccolte via radio e sulle agenzie stampa francesi, inglesi e tunisine): l'esplosione ha colpito un minibus della guardia presidenziale che era parcheggiato in una strada adiacente viale Mohamed V, una delle direttrici più trafficate ed importanti di Tunisi. Tale bus, spiegano alcune fonti sul posto, è sempre parcheggiato in quel luogo, a metà strada tra la sede del partito RCD (dell'ex-presidente Ben Alì) e l'hotel del Lago, luogo molto frequentato da stranieri e uomini d'affari.

Secondo la Reuters i morti sono 11 mentre AFP sostiene siano "almeno 14". Nessuno ha ancora rivendicato l'azione, definita "un attacco" dal portavoce del presidente tunisino. 10 giorni fa il governo aveva alzato il livello di allerta in seguito ai fatti di Parigi.

18:42 - Secondo il quotidiano francese Le Figaro, che cita l'AFP e il portavoce presidenziale Moez Sinaoui, i morti sarebbero 14 ed i feriti 11.

18:40 - Secondo una persona sopravvissuta all'attentato, intervistata da una radio locale citata dalla BBC, erano due gli autobus degli uomini della sicurezza presidenziale che viaggiavano su viale Mohamed V, ma uno risulta essere stato maggiormente colpito, e danneggiato, dell'altro.

Il presidente ha convocato una conferenza stampa alle 20:45, nel corso della quale verranno dati più dettagli sull'attentato. Le cause dell'esplosione, al momento, non sono ancora chiare: non è infatti chiaro se il bus è stato colpito da qualcosa o se l'esplosione è avvenuta per un ordigno, nè se questo ordigno era a bordo del bus o lungo la strada.

18:17 - Secondo Moez Sinaoui, portavoce della Presidenza tunisina, si è trattato di un attentato.

18:08 - E' già caos sulle cifre del presunto attentato in Tunisia. Secondo l'emittente Shems FM, che cita fonti della guardia presidenziale, i morti sarebbero ben 22 ma è impossibile, in queste fasi concitate, avere numeri precisi e fonti attendibili. Secondo fonti presidenziali citate dalla Reuters i morti sarebbero 11.

Ciò che è certo è che l'esplosione è avvenuta su una delle strade principali di Tunisi, in piena ora di punta: il traffico, tra l'altro, oggi è particolarmente intricato a causa della pioggia che si sta abbattendo sulla capitale tunisina.

18:00 - Secondo la Reuters, che cita il ministro dell'interno tunisino, sarebbe salito già a 6 il bilancio dei morti nell'esplosione.

17:55 - Secondo quanto riportano il quotidiano The Independent e l'agenzia Reuters non sono chiare in alcun modo le cause dell'esplosione nè se ci siano vittime. Le fasi sono ancora molto concitate. L'esplosione è avvenuta nei pressi della sede del partito RCD (Raggruppamento Costituzionale Democratico). Secondo l'emittente panaraba al-Arabiya ci sarebbero due vittime.

martedì 24 novembre 2015, ore 17:53 - Una forte esplosione ha coinvolto un autobus sul quale viaggiava la guardia presidenziale tunisina. E' accaduto al centro di Tunisi, in Tunisia. L'esplosione è avvenuta su viale Mohamed V. Sul posto è intervenuta la polizia e la BAT tunisina, le forze speciali antiterrorismo.

La notizia è stata divulgata dalla Tv tunisina.

(in aggiornamento)

Foto | Twitter

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO