Nigeria, kamikaze si fa esplodere in un corteo sciita. 21 morti

18:46 - Sono 21 le vittime sin qui confermate dell'attentato kamikaze ad un corteo sciita a Dakasoye, vicino Kano, nel nord-est della Nigeria. Secondo quanto avrebbe raccontato un secondo attentatore, bloccato dagli organizzatori del corteo, i due facevano parte di un gruppo di persone rapite diverso tempo fa in quella zona, a Mubi, da Boko Haram e addestrate alla guerriglia nella Sambisa Forest. 11 giorni fa erano rientrati a Kano per preparare l'attentato. Il secondo attentatore, dopo aver visto il compare bloccato, è corso in mezzo all'affollato corteo e si è fatto esplodere.

"Non siamo sorpresi dell'attacco vista la situazione generale nel paese"

ha dichiarato Muhammad Turi, uno dei leader degli organizzatori. L'attentato non è stato ancora ufficialmente rivendicato e le principali notizie provengono da un portale vicino al movimento sciita Islamic Movement of Nigeria, che ha subito l'attentato.

Il movimento fa capo allo sceicco Ibrahim Zakzaky ed è stato colpito proprio nell'enclave principale dell'islam sciita nigeriano, da sempre avverso ai jihadisti sunniti (per quanto lo sciismo ed il sunnismo possano essere chiaramente connotati, in Africa occidentale) di Boko Haram.

17:57 - Secondo quanto riporta al sito NgrGuardianNews un testimone oculare che vuole rimanere anonimo un uomo vestito di nero sarebbe improvvisamente corso all'interno del corteo di persone, dove ha fatto detonare l'esplosivo. Secondo la stessa fonte un presunto complice sarebbe stato fermato ed avrebbe ammesso la sua partecipazione a Boko Haram: questo avrebbe costretto il suo compare a lanciarsi tra la folla e farsi esplodere. Questo tipo di informazioni non sono state in alcun modo confermate dalle autorità.

I due attentatori farebbero parte di un gruppo di persone rapite a Mubi, nello stato di Borno, proprio da Boko Haram: addestrati militarmente nella Sambisa Forest i due sarebbero rientrati a Kano da circa 11 giorni per preparare l'attentato.

17:49 - Il commissario locale Muhammad Katsina ha dichiarato al sito Daily Trust che in questo momento le forze di sicurezza nigeriane stanno cercando di mettere in sicurezza un secondo ordigno collocato lungo il passaggio del corteo sciita. Secondo il corrispondente del quotidiano online ci sarebbero almeno 20 morti, tra cui anche donne e bambini, e almeno una cinquantina di persone ferite, anche gravi.

L'attentato sarebbe avvenuto verso le 14-14:30 di oggi pomeriggio.

venerdì 27 novembre 2015, ore 17:43 - Un kamikaze si è fatto esplodere, verso le 14 di oggi pomeriggio, in un corteo di musulmani sciiti nigeriani a Dakasoye sulla strada che porta a Zaria, una cittadina a 20km dalla città di Kano, nel nord-est della Nigeria: secondo quanto dichiarato da uno degli organizzatori del corteo al sito Jeune Afrique "è troppo presto per fare un bilancio" ma secondo una stima approssimativa afferma di poter parlare già di "decine di morti".

Muhammad Turi, leader dei nigeriani di culto sciita nella zona, afferma ad alcune agenzie stampa che il numero delle vittime è di 21 persone e molte altre sarebbero rimaste ferite ma la polizia non può né confermare né smentire tali cifre. L'organizzatore della manifestazione era l'Islamic Movement of Nigeria dello sceicco Ibrahim Zakzaky.

(in aggiornamento)

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO