Istat: senza fissa dimora in aumento in Italia

gettyimages-459241266.jpg

L'Istat ha reso noti i risultati della seconda indagine sulle persone che vivono in condizioni di povertà estrema in Italia. L'Istituto ha stimato in 50mila 724 le persone senza fissa dimora presenti sul territorio nazionale. La stima è aggiornata al dicembre 2014 e registra un aumento rispetto al dato del 2011, quando i senza fissa dimora vennero stimati in 47 mila 648 persone.

Per arrivare a questo dato è stato analizzato l'operato delle mense e dei centri di accoglienza che hanno offerto ospitalità nei mesi di novembre e dicembre del 2014 in 158 comuni italiani. Le caratteristiche principali delle persone senza fissa dimora sono simili rispetto allo studio effettuato nel 2011: l'85,7% è uomo, il 58,2% è straniero e il 75,8% ha meno di 54 anni. L'età media è invece aumentata da 42,1 a 44 anni. Il 66% ha un titolo di studio inferiore al diploma di scuola media superiore.

Rispetto al 2011 è in crescita la percentuale di persone che vive da sola (da 72,9% a 76,5%), mentre è scesa dall'8% al 6% il numero di persone che vive con un compagno/a oppure insieme ad un figlio. Il 51% dei senza tetto ha dichiarato di non essere mai stato sposato. Purtroppo è in aumento anche la permanenza nella condizione di senza fissa dimora. Nel 2011 il 28,5% dei senza fissa dimora rimaneva tale per meno di 3 mesi, mentre oggi il dato si attesta sul 17,4%. Aumentano invece le quote di persone che sono senza fissa dimora da oltre 2 anni: dal 27,4% al 41,1%. Aumenta anche la percentuale delle persone in questa condizione da 4 anni: dal 16% al 21,4%.

Il 38% dei senza fissa dimora si trova nel Nord-ovest, un dato molto simile a quello del 2011. L'unica zona d'Italia dove sono in aumento è il Sud: dal 8,7% all'11,1%.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO