Prime pagine di oggi, venerdì 11 dicembre 2015

Le prime pagine dei principali quotidiani in edicola questa mattina, venerdì 11 dicembre 2015

Nonostante l'avvicinamento del Natale non sembra che la polemica di natura politica sia affievolita, almeno se leggiamo i titoloni dei principali quotidiani generalisti italiani in edicola questa mattina: il caso salvabanche tiene banco ancora su tutte le prime pagine dei giornali.

Il quotidiano torinese LaStampa apre oggi proprio con la questione politica del momento: "Banche, ecco il salva obbligazionisti". Le promesse di una commissione d'inchiesta da parte di Renzi, le polemiche di Salvini e le osservazioni europee sono tutte tra titolo ed occhiello, mentre in due piccoli box si affrontano questioni più specifiche sul tema: un'intervista alla vedova del pensionato morto suicida e i consigli per evitare pericoli allo sportello degli investimenti. A centropagina una fotografia e il titolo sulla conferenza sul clima: "Clima , oggi l'accordo. Ma non basta ancora" è l'infausto titolo del quotidiano del Lingotto.

LaRepubblica apre invece con gli esteri: "La svolta Usa: 'Siamo in guerra'. Francia, una Guantanamo anti-Is". Una prima pagina decisamente bellica quella del quotidiano del gruppo Espresso, che tra fotografie ed approfondimenti veste vessilli di guerra dedicando tutta la parte alta della prima pagina alla questione siriano-irachena. A centropagine anche Repubblica riporta la notizia del suicidio del pensionato: "Salvabanche: perde tutto, si suicida". Il Corriere della Sera apre anch'esso con la cronaca economica partendo però dall'Europa: "Banche, lo schiaffo d'Europa" è il lancio di prima pagina del quotidiano di via Solferino, che in bella vista (molto correttamente) riporta anche la notizia dell'assoluzione di Filippo Penati, PD, ex presidente della Provincia di Milano che fu indagato per tangenti: "Penati assolto dopo 4 anni: 'L'ingiustizia ora è finita'".

Il Giornale apre con un titolo molto piccato verso il governo: "Il salvabanche non salva Renzi" che lancia a tutte le ipotesi, anche le più improbabili, sul possibile "crac" del governo. L'emergenza terrorismo campeggia un po' ovunque sulla prima pagina del quotidiano, mentre da segnalare è un bel pezzo di Gian Micalessin sulle sanzioni alla Russia. Restando nei quotidiani di area centrodestra Libero titola, molto didascalicamente, contro la questione salvabanche: "La banca del pensionato suicida butta via i soldi in yacht fantasma" e soffia sul fuoco delle polemiche attorno alla morte del pensionato che ha perso tutti i risparmi in obbligazioni truffa. A centropagina "lo schiaffo al premier" di Federica Pellegrini, che non sarà alla Leopolda, e a fondopagina anche qui la notizia dell'assoluzione di Penati.

Il quotidiano romano Il Messaggero titola sulla questione banche: "Crac banche, rimborsi più ampi". A centropagina, unico quotidiano a riportare la notizia con così grande risalto, campeggia una foto della regina Rania di Giordania e il virgolettato: "Non c'è Islam nell'Isis". A centropagina la notizia dell'assoluzione di Penati. Il Fatto Quotidiano titola anch'esso sulla questione bancaria e fondi di investimento, dando un taglio molto diverso da quelli sin qui letti: "Banche: Pd, FI e Lega contro l'Ue, ma han votato contro le vittime". Appena sotto la testata un'inchiesta interessante: "Ponte sullo Stretto, i 'padani' e il miliardo in regalo a Salini". L'assoluzione di Penati è in un trafiletto di taglio basso e lascia un dubbio: "Metà assolto, metà prescritto".

Anche il quotidiano comunista ilmanifesto apre titolando sul caso banche: "Chi paga il conto" è il titolo, decisamente definitivo, del quotidiano cooperativista. Il giornale economico Il Sole 24 Ore apre anch'esso con il caso banche, con un taglio ben diverso e cercando di entrare più nel merito della questione: "Banche, fondo di solidarietà e un arbitro 'caso per caso'".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO