Giubileo, sequestrate migliaia di false benedizioni vicino a Piazza San Pietro

Il valore delle pergamene sequestrate supera i 70mila euro.

La Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Roma, in collaborazione con la Gendarmeria Vaticana, ha sequestrato circa 3500 false pergamene che erano in vendita per i pellegrini come Benedizioni Apostoliche con tanto di immagine di Papa Francesco, stemmi papali e simboli dello Stato Vaticano. Tutto fasullo, ovviamente. Ai turisti accorsi per il Giubileo veniva fatto firmare anche un falso modulo di richiesta di benedizione apostolica indirizzato a "S.E. Rev.ma Mons. Elemosiniere di Sua Santità presso la Città del Vaticano" che è l'unico che può emettere ufficialmente le benedizioni.

I moduli non venivano mai recapitati all'Elemosiniere, mentre i pellegrini venivano ingannati facendo vedere loro delle pergamene molto simili a quelle vere rilasciate dal Vaticano. I finanzieri sono riusciti a risalire alla stamperia abusiva in cui sono state prodotte le pergamene false e ha denunciato il negoziante per produzione e commercio di oggetti contraffatti. Al momento gli inquirenti stanno cercando di calcolare le somme che il negozio ha incassato con le vendite delle false benedizioni in questi primi giorni dall'inizio del Giubileo (che è cominciato l'8 dicembre), ma il valore delle pergamene dovrebbe aggirarsi intorno a una cifra superiore ai 70mila euro.

L'operazione condotta dalle Fiamme Gialle insieme con la Gendarmeria Vaticana rientra nel piano d'azione battezzato "Jubilaeum" che ha proprio lo scopo di contrastare ogni forma di abusivismo e frode ai danni dei pellegrini che stanno raggiungendo la Capitale per il Giubileo.

Giubileo false benedizioni

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO