Migranti, naufragio al largo delle coste turche: 18 morti. "Tra le vittime anche 10 bambini"

Nauragio migranti grecia

15.00 - Tra le 18 vittime del naufragio nel mare Egeo, ci sarebbero secondo i media turchi anche 10 bambini e quattro donne. Il corpo di una di loro è stato rinvenuto dai militari in una cabina. E, secondo le fonti, era al quarto mese di gravidanza. Attualmente dei 14 ricoverati in un ospedale di Bodrum, 11 sono in codizioni critiche.

Aggiornamento ore 11.00 - Il sito inglese del quotidiano turco Hurriyet, afferma che tra le vittime del naufragio nell'Egeo di questa notte, ci sarebbero anche bambini. Il giornale precisa che l'imbarcazione si è capovolta nella Baia di Bodrum, mentre "cercava di raggiungere l'isola greca di Kos".

19 dicembre 2015, ore 8.00 - Nuovo naufragio di migranti nel Mare Egeo. Questa notte, tra la giornata di venerdì e di sabato, al largo delle coste occidentali turche, un'imbarcazione si è rovesciata producendo la morte di 18 persone. Altre 14 (iracheni, siriani, pachistani) sono state messe in salvo dalla guardia costiera. A riferirlo sono i media di Ankara e l'agenzia doganale. I migranti erano diretti verso l'isola greca di Kalymnos.

I sopravvissuti sono attualmente ricoverati in stato di ipotermia. Le autorità sanitaria fanno sapere che le loro condizioni di salute sono al momento giudicate "gravi". In base alle prime ricostruzione, ricavate dalle loro testimonianze, i migranti sono partiti dalla località balneare di Bodrum, nel sud-est della Turchia, a bordo di una imbarcazione fatiscente, che si è capovolta a due miglia marine dalle coste turche.

Secondo l'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (Oim), dall'inizio di quest'anno, sono più di 650 mila i migranti che hanno deciso di prendere il mare dalla Turchia per dirigersi alla volta delle isole greche. Tra questi, si registrano almeno 500 vittime, in maggioranza minori. Proprio ieri, sempre al largo delle coste turche, 5 bambini sono morti in altri due naufragi, che complessivamente hanno fatto otto morti.

La Turchia ospita al momento sul suo territorio circa 2,2 milioni di rifugiati siriani. In novembre, ha incassato l'aiuto della Ue da 3 miliardi di euro per gestire l'emergenza profughi e richiedenti asilo. Tuttavia, non mancano le denunce di una cattiva gestione dei fondi europei, come quella arrivata in settimana da Amnesty International, che ha accusato Ankara di negligenze e maltrattamenti.

Giovedì scorso c'è stato una sorta di mini-summit europeo, che ha riunito a Bruxelles otto Paesi Ue e la Turchia. Si spera che si sia discusso anche di controlli più cogenti nei confronti di Ankara, che ancora non sembra in grado di vigilare e di fronteggiare il flusso migratorio.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO