Affonda barcone nel mar Egeo: diciotto morti, sei erano bambini

A boat carring Tunisian migrants enters

Un’altra tragedia nel mar Egeo, sulla rotta dei migranti che tenta di raggiungere l’Europa passando attraverso la Grecia e i Balcani. Diciotto persone, fra cui sei bambini, sono morte annegate nelle acque del Mar Egeo dopo il naufragio della loro barca che navigava sovraffollata nelle acque dell’Egeo, per raggiungere l’isola di Lesbo.

I corpi sono stati trovati su una spiaggia nei pressi di Smirne. L’imbarcazione in legno si è capovolta due miglia al largo dalla costa turca di Bademli. Mancano all’appello altri due migranti che risultano dispersi, mentre altre 21 persone sono state salvate dalla Guardia Costiera turca.

Martedì scorso, sempre nel mar Egeo, al largo della costa turca, 11 migranti erano annegati, mentre altri sette erano stati salvati dopo il ribaltamento della loro imbarcazione.

Secondo le stime della Guardia Costiera turca, nel corso del 2015, circa 80mila persone sono state salvate al largo delle coste turche, mentre 3mila hanno perso la vita nel tentativo di approdare sulle isole greche. Complessivamente dovrebbero essere circa 600mila i migranti che hanno raggiunto le isole greche nel corso dell’anno.

Ieri, intanto sono approdati nel porto di Augusta 500 migranti. Uno di loro, un ragazzo di età compresa fra i 20 e i 25 anni, è morto durante la traversata.

Via | AdnKronos

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO