Nonna di Plaza de Mayo riabbraccia la nipote, ma il DNA smentisce tutto

Maria Isabel "Chicha" de Mariani credeva di aver ritrovato la nipote dopo 39 anni.

Nonna di Playa de Mayo e nipote

Quando qualcosa dura poco spesso si dice che dura "da Natale a Santo Stefano". Ebbene è proprio quello che è successo a Maria Isabel de Mariani nota come Chicha, una delle più celebri "Abuelas de Plaza de Mayo", le nonne che da quasi quarant'anni cercano i loro nipoti desaparecidi.

Ebbene Chicha, che è una leader storica dei movimenti di difesa dei diritti umani argentini, nel 2010 ha aperto una pagina Facebook nella quale ha inserito tutti i dati relatvi alla nipote che ha perso 39 anni fa, quando la piccola Clara Anahì aveva solo tre mesi. Ha pubblicato anche le foto dei genitori della bimba, Daniel Mariani e Diana Teruggi e finalmente, oggi che ha 93 anni, ha abbracciato una donna che sembrava essere la nipote scomparsa secondo i risultati di un laboratorio di Cordoba che evidenziavano una compatibilità del 99,9%. Le due hanno trascorso insieme il giorno della vigilia di Natale.

È stata una bella favola che è rimbalzata dai giornali argentini a quelli di tutto il mondo, ma oggi, giorno di Santo Stefano, è già tutto finito perché l'avvocato di Chicha, Juan Martín Ramos Padilla, ha rivelato al Clarín che secondo gli studi realizzati dal Banco Nacionale de Datos Geneticos su un campione dato dalla stessa donna a giugno scorso (e i cui risultati ha poi tenuto nascosti) non c'è alcun vincolo di parentela tra Maria Isabel de Mariani e la giovane Clara, che ha fornito dati di un laboratori di analisi privato. Nei prossimi giorni probabilmente verranno effettuati ulteriori approfondimenti.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO